Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 28 Febbraio |
San Gabriele dell'Addolorata
home iconCultura
line break icon

Una rete diversa. Ecco come la Chiesa può “cambiare” internet

MEDIA NUNS

© Daughters of St. Paul

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 25/02/20

"Il web permette processi inesauribili di (ri)creazione a patto che sia concepito e vissuto come spazio normale dell’esistenza e non come qualcosa di estraneo, da rifiutare"

«La Chiesa, nelle sue varie espressioni comunitarie e pastorali, non è certamente esclusa dalla necessità di farsi sempre più comunicativa e mediale».

Massimiliano Padula in Comunica il prossimo tuo. Cultura digitale e prassi pastorale, edito da Paoline, racconta l’evoluzione della comunicazione della Chiesa, in tempi di social network e internet.

“Territorio infinito di creatività”

Leggendo il Magistero ecclesiale in materia di comunicazione, infatti, si percepisce un’insistente volontà di sottolineare l’importanza di tutto il «contesto – come ad esempio, il fine, le persone, il luogo, il tempo ecc. – nel quale si attua la comunicazione stessa, [un contesto] capace di modificare o addirittura cambiare totalmente il valore morale».

La pastorale dei media e della comunicazione è, quindi, un territorio infinito di creatività. Il web permette processi inesauribili di (ri)creazione a patto che sia concepito e vissuto come spazio normale dell’esistenza e non come qualcosa di estraneo, da rifiutare, che destabilizza e fa paura.

DZIECI, INTERNET
Syda Productions | Shutterstock

Pastorale della contingenza

Cogliere questa ambivalenza e propendere dalla giusta parte, evidenzia Padula, diventa «l’atto più efficace per delineare i contorni di una vera e propria pastorale della contingenza; significa, cioè, recepire che “la Chiesa esiste e si comprende, proprio nella sua peregrinante storicità”, a partire cioè da quello Spirito trasformante che, dal concilio Vaticano II in poi, l’ha investita, stimolata ad aggiornarsi e a rileggere il Vangelo nella prospettiva della cultura contemporanea».

La contingenza, è la tesi dell’autore di “Comunica il prossimo tuo. Cultura digitale e prassi pastorale“, «diventa allora quella condizione socio-culturale che caratterizza il legame tra prassi pastorale e cultura digitale. Le comunità ecclesiali dovranno (iniziare a) (re)impostare azioni pastorali capaci di capire, anzitutto, che il senso e la finalizzazione dei media vanno ricercati nel fondamento antropologico».




Leggi anche:
8 consigli per avviare una Pastorale Digitale efficace in ogni Diocesi

“Cambio di mentalità”

Questa ricerca diventa ancora più profonda «nell’attuale scenario sociale digitale caratterizzato da un evidente processo di de-tecnologizzazione. La dimensione strumentale dei media appare sempre più scolorita di fronte alle prevalenti opportunità di relazione, conoscenza, partecipazione offerte dal web».

«Si tratta – sentenzia Padula – di un sostanziale processo di ripensamento, di cambio di mentalità, di presa di coscienza. Certamente non di impostazioni, azioni, progetti, strumenti diversi da quelli esistenti».

INTERNET
Jack Frog - Shutterstock

La pastorale mediale

La pastorale mediale pertanto non è altro che il dato di fede incarnato nell’«attuale contesto comunicativo, caratterizzato dalla presenza e dallo sviluppo dei media digitali, dai fattori della convergenza e dell’interattività».

Quindi, conclude Padula, «è semplicemente prassi pastorale declinata nei diversi ambiti».




Leggi anche:
Scattare SELFIE durante una Celebrazione Liturgica? Una pratica mediale da educare

Tags:
chiesa cattolicacomunicazione socialeinternet
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE EASTER
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco: “Non dovete mai convincere un non credente”
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
Sanctuary of Merciful Love
Bret Thoman, OFS
Le acque guaritrici profetizzate da una suora del XX secolo
4
Communion
Claudio De Castro
Comunione: si ha tra le mani il Figlio di Dio, e serve rispetto
5
Paola Belletti
Aiutiamo Debora Vezzani? Tutta la famiglia con il Covid, lei la p...
6
Philip Kosloski
Perché i cattolici non mangiano carne i venerdì di Quaresima?
7
Gelsomino Del Guercio
Congo, Attanasio salvò dal Covid suor Annalisa. “Devo a lui la mi...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni