Aleteia
venerdì 23 Ottobre |
San Giovanni Paolo II
Cultura

Una rete diversa. Ecco come la Chiesa può "cambiare" internet

MEDIA NUNS

© Daughters of St. Paul

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 25/02/20

"Il web permette processi inesauribili di (ri)creazione a patto che sia concepito e vissuto come spazio normale dell’esistenza e non come qualcosa di estraneo, da rifiutare"

«La Chiesa, nelle sue varie espressioni comunitarie e pastorali, non è certamente esclusa dalla necessità di farsi sempre più comunicativa e mediale».

Massimiliano Padula in Comunica il prossimo tuo. Cultura digitale e prassi pastorale, edito da Paoline, racconta l’evoluzione della comunicazione della Chiesa, in tempi di social network e internet.

“Territorio infinito di creatività”

Leggendo il Magistero ecclesiale in materia di comunicazione, infatti, si percepisce un’insistente volontà di sottolineare l’importanza di tutto il «contesto – come ad esempio, il fine, le persone, il luogo, il tempo ecc. – nel quale si attua la comunicazione stessa, [un contesto] capace di modificare o addirittura cambiare totalmente il valore morale».

La pastorale dei media e della comunicazione è, quindi, un territorio infinito di creatività. Il web permette processi inesauribili di (ri)creazione a patto che sia concepito e vissuto come spazio normale dell’esistenza e non come qualcosa di estraneo, da rifiutare, che destabilizza e fa paura.

DZIECI, INTERNET
Syda Productions | Shutterstock

Pastorale della contingenza

Cogliere questa ambivalenza e propendere dalla giusta parte, evidenzia Padula, diventa «l’atto più efficace per delineare i contorni di una vera e propria pastorale della contingenza; significa, cioè, recepire che “la Chiesa esiste e si comprende, proprio nella sua peregrinante storicità”, a partire cioè da quello Spirito trasformante che, dal concilio Vaticano II in poi, l’ha investita, stimolata ad aggiornarsi e a rileggere il Vangelo nella prospettiva della cultura contemporanea».

La contingenza, è la tesi dell’autore di “Comunica il prossimo tuo. Cultura digitale e prassi pastorale“, «diventa allora quella condizione socio-culturale che caratterizza il legame tra prassi pastorale e cultura digitale. Le comunità ecclesiali dovranno (iniziare a) (re)impostare azioni pastorali capaci di capire, anzitutto, che il senso e la finalizzazione dei media vanno ricercati nel fondamento antropologico».




Leggi anche:
8 consigli per avviare una Pastorale Digitale efficace in ogni Diocesi

“Cambio di mentalità”

Questa ricerca diventa ancora più profonda «nell’attuale scenario sociale digitale caratterizzato da un evidente processo di de-tecnologizzazione. La dimensione strumentale dei media appare sempre più scolorita di fronte alle prevalenti opportunità di relazione, conoscenza, partecipazione offerte dal web».

«Si tratta – sentenzia Padula – di un sostanziale processo di ripensamento, di cambio di mentalità, di presa di coscienza. Certamente non di impostazioni, azioni, progetti, strumenti diversi da quelli esistenti».

INTERNET
Jack Frog - Shutterstock

La pastorale mediale

La pastorale mediale pertanto non è altro che il dato di fede incarnato nell’«attuale contesto comunicativo, caratterizzato dalla presenza e dallo sviluppo dei media digitali, dai fattori della convergenza e dell’interattività».

Quindi, conclude Padula, «è semplicemente prassi pastorale declinata nei diversi ambiti».




Leggi anche:
Scattare SELFIE durante una Celebrazione Liturgica? Una pratica mediale da educare

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
chiesa cattolicacomunicazione socialeinternet
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
i.Media per Aleteia
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
POPE FRANCIS AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
La fake news sul Papa che giustifica le union...
Gelsomino Del Guercio
Il Papa su coppie gay: serve una "legge di co...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOMAN, NECKLACE, GOLD
Annalisa Teggi
Disoccupata con 4 figli paga il medico con un...
Gelsomino Del Guercio
6 frasi di Papa Francesco sulle persone omose...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni