Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 24 Luglio |
San Charbel
home iconFor Her
line break icon

Di fronte alla minaccia del contagio e della morte ci sono due posizioni

ASTRONAUT,

Olena Yakobchuk | Shutterstock

Alessandro Benigni - pubblicato il 25/02/20

Eppure siamo tutti piccoli, fragili e di passaggio. La priorità è pregare per chiedere una cosa sola... avere più fede.

Di fronte alla minaccia del contagio e della morte, si avvia un processo di chiarificazione, di separazione: ci si distingue. Anche senza volerlo, si prende posizione.

Da una parte l’umanità ideologizzata, avvelenata, interessata solo ai propri scopi, ai propri interessi: slogan, accuse, battute offensive, prezzi dei disinfettanti che su Amazon compaiono decuplicati in una notte, e chi più ne ha ne metta.

Dall’altra l’umanità paziente, compassionevole, altruista, più che altro per i propri figli, per i più piccoli, per i più indifesi. L’umanità che cerca di fare bene, facendo pulizia mentale, tenendo stretto il rigore della ragione che il Signore ci ha dato. Quell’umanità che in fondo sa bene come niente, in definitiva, dipenda da noi ma tutto avvenga comunque col nostro inutile concorso o con il nostro ancor più inutile ostacolo. Si tratta solo di scegliere da quale parte stare.


CRUCIFIXED

Leggi anche:
Ciò che ci dà pace, anche al tempo del coronavirus, è la vittoria di Cristo sulla morte

Un’importante lezione. Ci ricorda come siamo piccoli, fragili, dipendenti-da cose a volte quasi insignificanti, tutti di passaggio. Un passaggio più o meno rapido, ma tant’è.

Piccole creature che hanno bisogno di ripartire dall’ordine di priorità, nella vita di tutti i giorni: prima di tutto pregare. Pregare per ringraziare, e per chiedere una cosa sola: avere più fede. Il resto, alla fine, dipende da questo.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA ALESSANDRO BENIGNI

Tags:
coronaviruspreghieravita e morte
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Theresa Aleteia Noble
I consigli di 10 sacerdoti per una confessione migliore
3
MEDJUGORJE
Gelsomino Del Guercio
L’inviato del Papa: l’applauso dopo l’Adorazion...
4
José Miguel Carrera
La lettera di un giovane ex-protestante convertitosi al cattolice...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
Catholic Link
Una guida per l’esame di coscienza da ripassare prima di og...
7
Gelsomino Del Guercio
Cesare Cremonini indica al cardinale Zuppi “la strada per i...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni