Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 03 Febbraio |
San Biagio
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Conoscete i pericoli reali del fatto di dare un telefono cellulare a un bambino?

shutterstock_226752025.jpg

junpinzon - Shutterstock

Cecilia Zinicola - pubblicato il 25/02/20

Gli esperti dicono che più tardi diamo ai figli un cellulare, meglio è

Qual è l’età giusta per dare un cellulare ai nostri figli? Di recente l’Unicef, in collaborazione con Google, ha realizzato uno studio sull’età in cui i giovani iniziano a utilizzarlo.

Se dare a un bambino un cellulare e a quale età è una decisione che spetta ai genitori. Gli esperti concordano sul fatto che più tardi è, meglio è. Esporli al loro uso richiede un certo grado di responsabilità che devono essere in grado di assumere.

La società, però, spesso esercita pressioni perché inizino ad essere consumatori prima di essere pronti. Anche i compagni di scuola o gli stessi professori a volte lo esigono in qualche modo, e i bambini possono sentirsi esclusi.

Al di là del fatto che anche i genitori possano sentire pressioni non volendo che i lori figli vengano respinti o restino indietro nella padronanza delle nuove tecnologie, secondo lo studio i motivi principali per i quali i genitori danno un cellulare sembrano essere positivi. Lo considerano un mezzo di intrattenimento, sicurezza e organizzazione, per coordinare le attività della giornata.

Ciò che è certo che è esiste una serie di rischi collegati al loro uso, tra i quali quelli più preoccupanti sono quelli virtuali, come l’accesso a contenuti inappropriati, la violenza, la perdita della privacy e lo sviluppo di un comportamento dipendente.

DZIECI, INTERNET
Syda Productions | Shutterstock

Sviluppo e inserimento di capacità

Molte volte si ricorre al telefono cellulare perché i bambini non diano fastidio, stiano tranquilli, non si annoino e non interrompano i compiti che stanno svolgendo i genitori. Lo smartphone diventa un modo per calmare o distrarre, ma con questo si perde l’opportunità di imparare ad aspettare o a immaginare aumentando e stimolando la creatività.

I bambini possono sviluppare un disturbo nello sviluppo del linguaggio e anche un sovrappeso per il suo uso smisurato, così come può impedire esperienze sane in cui i bambini giovano a sviluppare certe capacità che saranno importanti per la vita.

La stimolazione continua prodotta dallo schermo fa sì che si attivino i centri di gratificazione immediati nel cervello. Questo allontana dalla possibilità di sviluppare capacità come la tolleranza o la gestione della frustrazione.

SELFIE
Shutterstock | antoniodiaz

Routine sane

I cellulari possono essere una distrazione seria nella giornata scolastica, impedendo la concentrazione e il rispetto delle responsabilità che i bambini hanno in casa o nei compiti scolastici.

Se non vengono usati bene, potrebbero rappresentare un problema al momento di andare a dormire e interrompere il sonno la notte. Cellulari e schermi in generale agiscono in genere come stimolanti, influendo sul ciclo naturale del sonno e ritardando l’orologio biologico.

SMARTPHONES
Dmytro Zinkevych - Shutterstock

Rapporti sociali

Le reti sociali e altre applicazioni possono diventare centri per l’aggressione digitale o il cyberbullismo. Molte volte questo tipo di sentimento viene comunicato in modo anonimo, e può provocare una certa pressione anche il fatto di voler essere all’altezza della percezione che nostro figlio ha della vita di altri profili nelle reti.

Il tempo destinato al cellulare ci toglie del tempo per altre cose, come mantenere relazioni personali, e questo può interferire nei rapporti familiari o di amicizia. In questo senso, l’età del bambino è importante, ma lo è anche il livello di maturità che ha per assumere le responsabilità che comporta il fatto di mantenere i legami con gli altri.

In un’intervista al The Mirror, Bill Gates ha detto che non ha permesso a nessuno dei suoi figli di avere un telefono proprio fino a quando non hanno avuto 14 anni, quando potevano dimostrare di riuscire a usarlo moderatamente e a comprendere il valore della comunicazione a tu per tu.

Prima di dare un cellulare a vostro figlio, allora…

  • Identificate i fattori presenti nella decisione e paragonate i pro e i contro nel contesto delle necessità della vostra famiglia. Vostro figlio ha “bisogno” di essere in contatto per motivi di sicurezza o sociali? Ha davvero bisogno di un cellulare?
  • Siate consapevoli di quello che fate da un punto di vista funzionale e sociale. È permesso l’uso del cellulare dove si reca vostro figlio? Come lo userebbe?
  • Insegnate a vostro figlio la sicurezza su Internet e la cittadinanza digitale. Il suo uso richiede responsabilità. Potete confidare nel fatto che non invierà messaggi durante le lezioni, che non infastidirà gli altri con le sue conversazioni e che userà testi, foto e video senza far vergognare gli altri?
  • Riflettete sul rapporto che avete con questi dispositivi prima di insegnare ai vostri figli com usarli, perché imiteranno il vostro comportamento. Controllate i vostri tempi di esposizione? Come supervisionerete il loro utilizzo?
  • Stabilite limiti chiari, fateli conoscere e applicateli. Credete che vostro figlio possa accettare dei limiti a livello di minuti di conversazione e applicazioni scaricate?
  • Dite in anticipo quali saranno le conseguenze per il mancato rispetto delle regole. Quali conseguenze imporrete quando verranno infrante? Siete disposti a togliere il cellulare se la situazione lo richiede?
  • Parlate del tipo di foto che si possono scattare e condividere, e di cosa fare se vostro figlio assiste a un comportamento online intimidatorio o non appropriato.
    Informatevi sulle applicazioni per i genitori. Cosa si usa? Perché sono utili?
  • Date a vostro figlio un telefono cellulare quando il motivo è abbastanza convincente per superare il beneficio di aspettare ancora.
Tags:
cellularefigli
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni