Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 15 Giugno |
Sant'Eliseo
home iconSpiritualità
line break icon

La Quaresima è il periodo perfetto per quest’opera di misericordia corporale

ŚMIERĆ

Rhodi Lopez/Unsplash | CC0

Theresa Civantos Barber - pubblicato il 24/02/20

Assistere a veglie e funerali non è solo un'opera di misericordia, ma anche un atto di compassione e di rispetto per i cari che non ci sono più

Sempre meno persone vanno oggi a veglie e funerali, in base alle ricerche della National Funeral Directors Association. Il numero di chi ha assistito a un funerale negli ultimi cinque anni è crollato dal 10,3% del 2013 al 3,7% del 2019.

Per i cattolici è una tendenza preoccupante. Seppellire i morti è un atto di misericordia corporale, qualcosa che dobbiamo trovare il tempo di fare anche quando è difficile.

Per millenni dell’esistenza umana, i tassi di mortalità sono stati molto più elevati, e la morte era praticamente onnipresente. Il lusso di poter evitare i promemoria della morte è appannaggio della modernità.

Ma il privilegio di poter ignorare la morte è un lusso o una maledizione? La consapevolezza della brevità della vita ci aiuta ad apprezzarla e a goderla di più. Tagliarci fuori da questa realtà inevitabile porta a un’esperienza meno profonda, e perdiamo le opportunità di crescere in empatia e compassione.

L’ultimo punto è stato eloquentemente sottolineato questo mese in un ottimo articolo di una rubrica del Chicago Tribune. L’autrice, Mary Wisniewski, ha descritto come sia cresciuta partecipando ai funerali:

“Vengo da una famiglia molto numerosa, il che vuol dire che dovevo andare a un buon numero di veglie e funerali… Mi sono abituata alle camere mortuarie – i mobili vecchi e formali, la luce fioca, le opere d’arte terribili, il caffè scadente e i biscotti stantii”.

Al giorno d’oggi sta diventando sempre più raro che i genitori portino i figli con sé ai servizi funebri. Forse pensano che un bambino possa non essere pronto all’esposizione alla morte, ma questa è naturale e inevitabile, e i bambini spesso riescono a gestire queste cose meglio di quanto pensiamo:

“I miei familiari non si preoccupavano del fatto che noi bambini potessimo essere esposti troppo presto alla morte – la morte fa parte della vita, e dovevamo andare davanti alla bara, inginocchiarci e recitare una preghiera”.

I genitori potrebbero anche preoccuparsi del fatto che i bambini non amino una cosa del genere, ma la Wisniewski sottolinea che non conta davvero il fatto che le persone vogliano stare lì o meno:

“I miei genitori non si curavano del fatto che io e i miei fratelli ci stessimo ‘divertendo’ o meno, perché l’obiettivo non era certo quello. Non riguardava noi, ma la consolazione di chi aveva perso
qualcuno di speciale”.

Trovare del tempo per andare a una veglia o a un funerale, anche quando non si vorrebbe o quando è scomodo, non solo onora la vita della persona defunta, ma è anche uno dei modi più significativi per sostenere chi resta.

La Wisniewski continua spiegando che sua madre è morta di recente. Affrontare la morte in prima persona le ha fatto capire quanto sia importante che amici e familiari partecipino ai servizi funebri. Per spiegarlo ha usato l’analogia della trapunta:

“Quando qualcuno vicino a te muore, anche se era una cosa attesa, è come lo scoppio di una bomba, e tu e i tuoi familiari vagate tra le macerie, ondeggiando al vento… In quel momento, le visite e le telefonate degli amici sono come i riquadri di una trapunta, che si uniscono a formare una coperta e a darti calore, aiutandoti in quel momento di shock e dolore”.

Non è importante, dice, se chi fa una visita ha molto da dire o resta a lungo, perché il semplice fatto di essere lì basta. Quando si soffre, aiuta molto il fatto che altri fermino un attimo la loro vita impegnata per venire a sedersi accanto a te per un po’.

“Quello che darete a una famiglia in lutto” andando al servizio funebre “non ha prezzo”, scrive la Wisniewski.

È un buon consiglio, forse un po’ inusuale al giorno d’oggi ma sempre vero. Se potete, andare sempre a una veglia o a un funerale. Non ve ne pentirete mai.

Tags:
morteopere di misericordiaquaresima
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Silvia Lucchetti
Matteo si è ucciso “in diretta” su un forum online. E...
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni