Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 04 Dicembre |
San Giovanni Damasceno
home iconFor Her
line break icon

Coronavirus: la paura è pessima consigliera

KIDS, PROTECTIVE, MASKS

Sharomka | Shutterstock

Ospedale Bambino Gesù - pubblicato il 24/02/20

L'ospedale pediatrico Bambino Gesù ha pubblicato un documento speciale sul nuovo coronavirus: una bussola con cui orientarsi in un periodo in cui è facile subire la paura e l’irrazionalità.

Di Antonino Reale

Da qualche tempo, tutti parlano di COVID-19 –il nuovo Coronavirus. Ed è possibile leggere ovunque – e su Internet in particolare – consigli, congetture e articoli di ogni tipo, non sempre verificati (attendibili). Questa grande massa di informazioni sta portando un’ondata di paura nel nostro Paese, soprattutto per i genitori. Spesso, infatti, il panico deriva da una conoscenza poco approfondita del problema, che può portare a comportamenti poco razionali. Per gestire la paura, la chiave è la conoscenza. E conoscere vuol dire affidarsi, quando si cercano informazioni sul nuovo Coronavirus, a fonti competenti. Esempi sono l’Organizzazione Mondiale della Sanità, il Ministero della Salute, il centro di riferimento nazionale Spallanzani o l’Ospedale Bambino Gesù che, con l’Istituto per la Salute, sta conducendo una importante campagna di informazione su questo tema. Affidarsi a fonti competenti è la chiave per sconfiggere la paura e quella che l’OMS ha definito infodemia, ovvero l’epidemia di notizie non verificate.


EUCHARIST

Leggi anche:
Coronavirus, il messaggio pieno di fede del parroco di Castiglione D’Adda

Cosa sappiamo e cosa possiamo fare

Al momento sappiamo, tra le altre cose, che la situazione pediatrica è buona: ad oggi ci sono stati soltanto una ventina di casi di COVID-19 in Cina e un solo caso di COVID-19 fuori dalla Cina che ha colpito un bambino in Germania. E sappiamo, inoltre, che il nostro Paese sta facendo il massimo per ridurre il rischio di infezione, grazie allo sforzo di tutti gli organismi competenti.

Che cosa possono fare, in concreto, i genitori per gestire la paura (per evitare il panico e l’irrazionalità)? Proviamo a dare qualche consiglio.

Seguire la indicazioni

La prima cosa da fare è leggere le indicazioni del Ministero della Salute. Una su tutte: se un bambino ha la febbre, non c’è nessun motivo di preoccupazione, a meno che il piccolo non sia appena tornato da una delle zone ritenute a rischio.

Vaccino

Vaccinarsi per l’influenza è fondamentale. Quella stagionale è molto forte e può generare confusione e paura.

Anziani

Proteggere le persone anziane, pensiamo ai nonni, con la vaccinazione per l’influenza o con altre precauzioni (ad esempio, indossando una mascherina se si accusano sintomi influenzali).

Mani

Lavarsi spesso le mani: una buona pratica che vale per tutte le infezioni.

Pronto Soccorso

Non intasare i Pronto Soccorso: per qualsiasi infezione febbrile, il primo punto di riferimento è il Pediatra di famiglia. Il Pronto Soccorso è un luogo dove andare quando i problemi non si possono risolvere a casa o nell’ambulatorio del medico di base.

Interazioni

Non avere paura a interagire con persone di origini asiatiche: chiunque non sia tornato da una delle zone a rischio nell’ultimo mese (o negli ultimi 15 giorni) è perfettamente al sicuro!

QUI IL LINK AL MAGAZINE MULTIMEDIALE A CURA DEL BAMBIN GESU’ A SCUOLA DI SALUTE

Tags:
cronacamalattie
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
POPE FRANCIS ON CHRISTMAS
Giovanni Marcotullio
Non esiste alcuna “Messa di Mezzanotte”... sì...
FATHER JOHN FIELDS
John Burger
Muore sacerdote che si era offerto volontario...
MARIA DEL MAR
Rodrigo Houdin
È stata abbandonata in una discarica, ma ha c...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CHARLES
Anna Ashkova
La preghiera del Beato Charles de Foucauld da...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni