Aleteia
domenica 25 Ottobre |
Sant'Antonio Maria Claret
Storie

Il sacerdote cattolico che ha aiutato a seppellire migliaia di ebrei

PATRICK DESBOIS

Patrick Desbois | Facebook | Fair Use

John Burger - pubblicato il 21/02/20

Al di là del fatto di onorare le vittime, Desbois vuole anche aiutare il mondo a comprendere le radici della violenza, perché possa essere evitata in futuro. La storia di Caino e Abele, ama sottolineare, appare molto presto nella Bibbia, ma si ripete in ogni genocidio.

“Dio ha chiesto: ‘Dov’è tuo fratello?’ Non ha chiesto ‘Sei colpevole?’ Ovviamente sa che è morto. Sta cercando il cadavere. E per me il mio team, è sicuramente la domanda che sentiamo nella nostra preghiera: ‘Dov’è il tuo fratello ebreo di tutti quei Paesi sovietici?’”, ha affermato Desbois, che dal 1999 al 2016 è stato direttore del Comitato Episcopale per i Rapporti Ebraico-Cristiani, sotto gli auspici della Conferenza Episcopale Francese.

“Caino chiede: ‘Sono forse il guardiano di mio fratello?’ Significa ‘Ho molto da fare. È triste, ma è morto, e io ora devo vivere la mia vita. Non devo preoccuparmi del cadavere di mio fratello’”.

Desbois insiste però sul fatto che è necessario che il mondo se ne preoccupi: “Non possiamo costruire un’Europa moderna se chiediamo a 2,2 milioni di ebrei di dormire sotto i cespugli come i cani”.

Desbois ha anche ampliato l’obiettivo del suo lavoro per includere genocidi più recenti, nella fattispecie quello tentato dallo Stato Islamico contro gli yazidi in Siria e in Iraq nel 2014. In questo caso, molti dei perseguitati sono ancora vivi, e la sua organizzazione sta cercando di aiutarli a rimettersi in carreggiata.

Quando si è saputo che l’ISIS aveva invaso il territorio yazidi in Iraq, Desbois ha ripensato al genocidio del Ruanda del 1994, quando, ammette, guardava le notizie ma non provava emozioni.

“Questa volta non resterà indietro. Non scriverò ‘genocidio’ su Facebook” senza fare altro, ha dichiarato. “Andrò. Ci sono voluti tre giorni di preghiera, ma alla fine ero convinto”.

La ricerca di Yahad-In Unum in Iraq ha rivelato un genocidio perpetrato alla luce del sole che usava metodi simili a quelli degli Einsatzgruppen. Il suo progetto Action Yazidis raccoglie la testimonianza dei sopravvissuti e offre prove di ogni passo del genocidio.

Desbois, Braman Endowed Professor presso il Center for Jewish Civilization della Georgetown University, ha affermato in un’intervista del 2018 ad Angelus che sta iniziando ad approfondire anche ciò che è accaduto ai cristiani in Iraq, ma il suo budget è limitato. Nel caso disponesse di finanziamenti, vorrebbe che Yahad-In Unum avviasse dei progetti per indagare sugli omicidi dei cristiani in luoghi come Pakistan ed Egitto.

In quell’intervista, ha dichiarato che il cardinale Jean-Marie Lustiger, defunto arcivescovo di Parigi proveniente da una famiglia ebraica e la cui madre è stata uccisa ad Auschwitz, lo ha incoraggiato nel suo lavoro, e che la Chiesa lo ha sempre esortato ad andare avanti nonostante le difficoltà. Yahad-In Unum ha aperto il primo Museo dell’Olocausto in America Centrale – in Guatemala – con l’approvazione dell’arcivescovo di Città del Guatemala, vicino alla cattedrale.

“Cerchiamo di insegnare a questa generazione cos’è accaduto in Europa, per aiutare a non entrare nelle gang e a lottare contro violenza, droga, stupri e così via”, ha detto. “Abbiamo il compito di trasmissione alle nuove generazioni. Conoscere l’Olocausto è un modo per combattere la violenza nella vita quotidiana. Purtroppo questi ragazzi conoscono la violenza con le gang”.

Ancora una volta, torna al primo fratricidio: “Caino era dietro la maschera dei nazisti, ora è dietro quella di un altro gruppo”, ha detto riferendosi all’ISIS. “Ma il male è lo stesso. Per me è davvero una lotta contro il male. È per questo che dico sempre al mio team ‘Dovete pregare molto, chiedere la presenza di Dio perché non potete essere soli di fronte al male: è molto pericoloso’”.

Le interviste di Yahad-In Unum con le testimonianze di Olocausto a Proiettili sono postate sul suo sito web.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
ebreieuropanazismoolocaustosacerdote
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
POPE FRANCIS AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
La fake news sul Papa che giustifica le union...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
fedez don alberto ravagnani
Gelsomino Del Guercio
Fedez e don Alberto Ravagnani: confronto su s...
Padre Fortea exorcista
Francisco Vêneto
Il demonio e le chiese date alle fiamme: per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni