Aleteia
giovedì 01 Ottobre |
Santa Teresa di Gesù Bambino e del Volto Santo
For Her

Per prepararti bene alla Quaresima, festeggia il Carnevale

Natale Zanardi | Shutterstock

Pane e Focolare | Feb 21, 2020

La festa irriverente del Carnevale nasceva dal profondo senso spirituale di una società che un tempo sapeva davvero gioire e divertirsi, ma poi teneva in grande considerazione la penitenza.

Entro in una bella pasticceria di Roma e ordino un vassoio di quelle che io chiamo chiacchiere e tortelli, ma scopro che lì si chiamano frappe e castagnole. Ogni regione d’Italia, direi ogni provincia, ha i suoi dolci di Carnevale o li chiama con un nome diverso. Già dopo l’Epifania fanno la loro comparsa nelle vetrine, prendendo il posto dei panettoni e degli altri dolci natalizi. Poi i pasticceri, dopo il Martedì Grasso (a Milano dopo il Sabato Grasso), si dedicheranno alle colombe, alla pastiera e agli altri dolci pasquali. Non ci facciamo caso, ma le nostre abitudini alimentari, anche in tempo di secolarizzazione e laicità, sono scandite dall’anno liturgico.

D’altronde, il Carnevale è una festa tipica dei paesi cattolici: è il momento di festa, spesso sfrenata e un po’ irriverente, per dare libero sfogo ai piaceri e alle golosità prima delle penitenze quaresimali. Il Carnevale si chiama così proprio perché un tempo si mangiava carne in abbondanza prima dei 40 giorni di magro, dominati dalle astinenze e dai digiuni.

Pixabay.com/Public Domain/ © cristalmorando

A Carnevale ogni scherzo vale“: la festa affonda le sue origini nel Medioevo, periodo in cui nasce l’usanza “festaiola” e spensierata legata a questi giorni che precedono la Quaresima, giorni di scherzi e burle, di mascherate e di danze. Ci si travestiva, ci si faceva beffe dell’autorità, per poco tempo il caos prendeva il posto dell’ordine costituito, si diventava irriverenti nei confronti dei re e dei principi, del podestà e del vescovo. I carri allegorici del Carnevale di Viareggio, con le loro enormi figure in cartapesta di famosi uomini politici, del mondo della finanza o della cultura, ritratti con satira e ironia, sono ancora un bellissimo esempio di tante antiche feste, ricche di creatività e fantasia. E come non citare Venezia con le sue splendide maschere settecentesche, eleganti e piene di mistero?

A parte questi rari esempi di tradizioni rispettate (e a parte le feste dei bambini alla scuola materna e alle elementari) non pensate anche voi che il Carnevale sia un po’ in crisi? Forse perché non se ne ricorda più l’origine. Se non si fa più il sacrificio e la penitenza quaresimale, che senso ha fare il Carnevale? La carne si mangia tutto l’anno (e chi non la mangia, lo fa perché ha scelto uno stile di vita vegetariano); la festa sfrenata si trova sempre e dovunque, in discoteca o in qualche party border line. Se poi si parla di satira nei confronti dei potenti di turno, ci sono le riviste e i comici televisivi, peraltro con una qualità artistica che a volte lascia davvero a desiderare, con poca fantasia e molta volgarità.

A Carnevale lasciamoci andare ai peccati di gola: chiacchiere, bugie, cenci, frappe, castagnole e tortelli. Facciamo festa. Ma ricordandoci l’origine di tutto questo, il profondo senso spirituale di una società che un tempo sapeva davvero gioire e divertirsi, ma poi teneva in grande considerazione lo spirito di sacrificio, il valore anche culturale e antropologico della penitenza, il dominio di sé, l’esercizio della virtù della fortezza e della temperanza, e la rinuncia in vista di valori superiori, contro il materialismo e l’edonismo.

Anche i piccoli  fioretti aiutano a fortificarsi e a comprendere il valore di quello che abbiamo.

“Semel in anno licet insanire”, si diceva un tempo. Il problema è che oggi la mancanza di senno, in certi contesti, pare dominare tutto l’anno.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA PANE & FOCOLARE

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
carnevalecibofesta
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
WOMAN, SHARK, SEA
Annalisa Teggi
Incinta si tuffa in soccorso del marito azzan...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Gelsomino Del Guercio
Parla il sacerdote che ha vinto 35mila euro a...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: "Ho visto i ...
Gelsomino Del Guercio
7 santuari uniti da una linea retta. La miste...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni