Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

“Un unico Dio per tutte le religioni del Mediterraneo”. I vescovi tendono la mano a Islam e Ebraismo

BARI,POPE FRANCIS
Antoine Mekary | Aleteia
Il Papa a Bari, durante il viaggio del 2018
Condividi

Al “mini Sinodo” di Bari arriva dalla Cei un forte messaggio di riconciliazione. Domenica c’è il Papa: previste misure di sicurezza eccezionali e 40mila fedeli

E’ iniziato oggi, 19 febbraio, l’incontro di riflessione e spiritualità “Mediterraneo, frontiera di pace”, che riunisce a Bari una sessantina di vescovi provenienti da 20 paesi che si affacciano sul Mediterraneo.

L’evento clou di quello che è stata ribattezzato il “mini Sinodo del Mediterraneo” sarà ovviamente l’arrivo di Papa Francesco, previsto per domenica 23 febbraio.

Documento per il Papa

Come spiegato qualche giorno fa da monsignor Stefano Russo, segretario generale della Cei, la nota caratterizzante dell’incontro  sarà «quella dell’ascolto». Dal confronto, stimolato da due introduzioni e portato avanti in otto tavoli di discussione, «scaturirà un documento che consegneremo al Papa», ha evidenziato mons. Russo (Like Puglia.it, 19 febbraio).

© ULRIK PEDERSEN / NURPHOTO / AFP
Una famiglia siriana che sta provando ad approdare sull'isola di Kos, in Grecia (Photo by Ulrik Pedersen/NurPhoto)

Pace e dialogo tra “pastori”

«In questo grande lago di Tiberiade, come lo chiamava La Pira, il Mediterraneo, oggi i conflitti si sono moltiplicati, con guerre che ci sembrano molto lontane ma che poi verifichiamo negli effetti attraverso questi tanti che sono costretti a fuggire e vengono da noi», ha detto monsignor Francesco Cacucci, vescovo di Bari-Bitonto,dopo la messa concelebrata nella cripta della Cattedrale di Bari, alla presenza del cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della Cei, che ha aperto la cinque giorni dedicata all’incontro “Mediterraneo, frontiera di pace”.

«Quindi il Mediterraneo – ha proseguito il vescovo – diventa il luogo nel quale noi abbiamo bisogno di riflettere sulla necessità della pace, soprattutto con un confronto da parte dei pastori di quelle chiese che si affacciano lungo questo grande mare».

OPEN ARMS
Proactiva Open Arms
La nave di Open Arms, che soccorre i migranti nel Mediterraneo

“Unico Dio come padre”

«Nel Padre Nostro ho chiesto al Signore che tutti coloro che vivono sulle rive di questo immenso lago di Tiberiade allargato possano chiamare l’unico Dio come padre e questo sarebbe già un segno di pace», ha aggiunto il cardinale Bassetti.

«Tutte e tre le religioni che nascono dal seme di Abramo, la religione ebraica, la religione cristiana e musulmana – ha detto il presidente della Cei – hanno questa concezione di Dio padre, di Dio provvidenza, di Dio misericordioso. Basterebbe che entrasse nel cuore questo insegnamento profondo e fosse messo in pratica e sarebbe la pace non solo nel Mediterraneo ma su tutto il mondo».

San Nicola

Bassetti ha poi spiegato la scelta di organizzare questo evento a Bari. «La figura di San Nicola – ha detto – ci riporta a tutto l’Oriente. Bari anche per la sua civiltà è il baricentro del Mediterraneo. Avevamo fatto anche valutazioni diverse di altre città, per esempio Palermo, Roma, Firenze, Venezia, poi abbiamo deciso Bari».

VALENCIA
María Paola Daud-Aleteia

I preparativi per il Papa

Intanto fervono i preparativi per l’arrivo di Papa Francesco, previsto il 23 febbraio. Saranno 500 i sacerdoti e i diaconi presenti, 600 i religiosi e le religiose. In campo anche 500 volontari e 400 operatori della comunicazione. Attesi 40mila fedeli.

Le misure di sicurezza

Le misure di sicurezza sono eccezionali. Per le forze dell’ordine saranno impegnate complessivamente 700 persone in divisa e in borghese (ci saranno come sempre in questi eventi, tiratori scelti, artificieri, unità cinofile…), oltre a protezione civile, volontari e polizia locale

Saranno circa venti i varchi di accesso e deflusso con metal detector e tutta l’area interessata sarà controllata anche con un centinaio di telecamere fisse e mobili. Chi non riuscirà ad arrivare in prossimità del palco allestito in piazza Libertà, potrà guardare la messa dai maxischermi che saranno collocati in vari punti.

Ulteriori informazioni sul sito della diocesi di Bari.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni