Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 31 Gennaio |
San Giovanni Bosco
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Liberazioni miracolose dalle prigioni ad opera degli angeli: gli episodi più noti

prisoner-630×375

IMLEBANON

don Marcello Stanzione - pubblicato il 19/02/20

Da San Pietro a San Felice, dai francescani ai carmelitani: l'intervento degli spiriti celesti ha evitato condanne ingiuste. Ecco le testimonianze così come ci sono state tramandate

I racconti di liberazione miracolosa dal carcere riprendono lo stesso ordine (soprannaturale) delle cose. Il loro riferimento biblico è la doppia liberazione dell’apostolo Pietro, che riportano gli Atti degli Apostoli.

La prima volta, Pietro era con gli altri apostoli: Allora intervenne il sommo sacerdote, così come tutti quelli che erano con lui, ossia la setta dei Sadducei. Pieni di gelosia, essi portarono la mano sugli Apostoli e li misero nella pubblicaprigione. Ma, durante la notte, l’Angelo del Signore aprì le porte della prigione, li fece uscire e disse: “Andate e, in piedi, annunciate al popolo, nel Tempio, le parole di vita” (Atti 5, 17-20).

San Michele del Perugino
Public Domain

“Alzati, Pietro”

Più tardi, quella volta solo, Pietro è stato incarcerato su ordine di Erode, “re” di Giudea e di Samaria. La sua scomparsa avrebbe portato un colpo fatale alla giovanissima comunità cristiana di Gerusalemme, che cominciava ad organizzarsi: Ora, prima del giorno in cui Erode doveva farlo comparire, quella notte, Pietro, legato da due catene, dormiva tra due soldati, nel mentre che delle sentinelle, davanti alla porta, custodivano la prigione. Ed ecco che l’Angelo del Signore si presentò, ed una luce brillò nella prigione. Colpendo Pietro al fianco, egli lo risvegliò, dicendo: “Alzati! Presto!”. E le catene gli caddero dalle mani.

“Metti la cintura”

L’Angelo gli disse: “Metti la tua cintura e calza i tuoi sandali”; così egli fece. E gli disse: “Rivesti il tuo mantello e seguimi”. E (Pietro) uscì e lo seguiva, ma senza sapere se quello che accadeva da parte dell’Angelo fosse vero; egli pensava di guardare una visione. Essi attraversarono un primo posto di guardia, poi un secondo, e giunsero alla porta di ferro che dava sulla città. Da se stessa, questa si aprì davanti a loro. Essi uscirono ed avanzarono in una strada, e subito l’Angelo lo lasciò. E Pietro, ritornato in sé, disse: “Ora, so veramente che il Signore ha inviato il suo angelo e mi ha strappato dalla mano di Erode ed a tutto quello che si aspettava il popolo ebreo” (Atti 12, 6-11).

STATUE OF SAINT PETER
Antoine Mekary | ALETEIA
PIETRO - Roma, Basilica di San Pietro. in Vaticano Il luogo di sepoltura del discepolo che Gesù indicò come maestro degli altri apostoli e come “pietra” sulla quale sarebbe stata fondata la Chiesa, com’è noto, è la basilica di San Pietro in Vaticano a Roma, il principale tempio della cristianità.

Il martirio di Numidico

Queste liberazioni straordinarie illustrano in modo concreto la realizzazione della richiesta del Pater: “liberaci dal male”. Allo stesso modo, è accaduto che gli angeli intervengano per sottrarre in extremis i loro protetti al martirio. Numidico, un adolescente di Cartagine, è arrestato nel 251 con altri cristiani, durante la persecuzione di Decio. Tutti sono condannati al rogo, ed essi spirarono nel braciere cantando. Solo Numidico, che si ritrova ben vivo nelle ceneri, senza neanche che il fuoco abbia sfiorato i suoi capelli: un angelo l’ha preservato dai colpi delle fiamme. Numidico sarà più tardi ordinato sacerdote da San Cipriano, che lo nomina nelle sue opere.


MUSICIAN ANGELS BY HANS MEMLING

Leggi anche:
3 mistiche sostengono di aver visto la creazione degli angeli

San Felice da Nola

Al momento della stessa persecuzione, un adolescente vestito di bianco e “raggiante di gloria” penetra nel fondo di un fossato ripieno di pezzi di vetro in cui giace il sacerdote Felice. La scena si svolge a Nola, vicino a Napoli. Felice, che è stato arrestato per apostolato intempestivo, ha già avuto il suo conto di torture delle più svariate, secondo il procedimento classico – catene che cadono da se stesse come egli le tocca, porte che si aprono largamente al loro passaggio, sentinelle piombate in un torpore salutare -, e, siccome è indebolito dalla sua prigionia, fa comparire nei rovi un grappolo d’uva che gli ridona le forze.

Poi lo conduce fino al nascondiglio del suo vescovo Massimo, che ha ancora bisogno di lui. Felice non sarà martire … San Felice da Nola morirà verso il 256, dopo avere per umiltà rifiutato la dignità episcopale. La sua storia ci è nota grazie ai poemi composti alla fine del IV secolo da San Paolino d Nola.

felix_of_nola-1.jpg
Public Domain

Il martirio di San Felice da Nola

I due francescani

Nel 1405, i francescani Clemente Ilci e Cornelio Borghese si trovano in Boemia, dove essi fanno prova d’un grande zelo per distogliere i fedeli dalla predicazione del riformatore Giovanni Hus, sospettato di eresia. Imprigionati dai partigiani di quest’ultimo, essi sono liberati dalla loro prigione da un angelo – come lo fu una volta San Pietro – ed essi piangono il loro martirio mancato. Ma l’angelo spiega loro che hanno ancora un immenso apostolato da compiere, e mostra loro le corone che riceveranno da Dio al termine della loro missione. Essi moriranno nel 1408, per essersi votati instancabilmente all’evangelizzazione delle campagne ceche.


angel

Leggi anche:
Due modi in cui gli angeli si manifestano agli uomini

Il monaco carmelitano

Il carmelitano Prospero Dello Spirito Santo Garaicaval, missionario nel Medio Oriente, poi eremita sul monte Carmelo, era sovente preso da parte e maltrattato dagli Arabi: essi lo irroravano di colpi e lo legavano nudo ad un albero in pieno sole, esponendolo al pericolo di essere morso o divorato dalle bestie feroci.

Egli rimaneva così delle ore sotto la canicola, punto da insetti d’ogni tipo, lodando Dio e rendendogli grazie nel poter soffrire qualcosa per lui. In capo ad alcune ore di quel trattamento, degli angeli scendevano dal cielo, venivano a distaccarlo e prodigargli delle parole di conforto e di incoraggiamento. Ma una belva veniva ad accostarsi, e gli angeli intervengono subito per metterla in fuga. Questo martire d’un nuovo genere – non è senza richiamare il “martirio a colpi di spilli”, evocato da Santa Teresa del Bambin Gesù – morì nel 1653 alla venerabile età di ottant’anni.




Leggi anche:
Angeli sotto forma di “personaggi misteriosi”, che hanno salvato la vita delle persone

Tags:
angelicarcerecarcerisan pietro
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni