Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

È peccato per una cattolica sposare un evangelico ricevendo la bendizione del pastore?

MARRIAGE
Melinda Nagy - Shutterstock
Condividi

Padre Cido Pereira risponde al dubbio di una madre di famiglia

Nella sua rubrica sul quotidiano O São Paulo, dell’arcidiocesi brasiliana di San Paolo, padre Cido Pereira ha risposto questa settimana a un dubbio espresso da una madre di famiglia:

“Vediamo il dubbio che mi ha presentato Neusa, di Osasco (San Paolo):

Mia figlia è cattolica e ha sposato un evangelico nella chiesa di lui, con la benedizione di un pastore. È nel peccato?

Neusa, purtroppo il matrimonio di sua figlia cattolica con un evangelico non è stato il sacramento del matrimonio, perché gli evangelici non hanno sacramenti, e per alcune Chiese non esiste neanche l’indissolubilità del matrimonio. Sarà quindi difficile per la coppia battezzare il figlio nella Chiesa cattolica, perché il Battesimo richiede a entrambi i genitori l’impegno a educare i figli nella fede cattolica. Sua figlia ha semplicemente deciso di sposarsi nella Chiesa evangelica, pazienza.

Quanto al fatto che sia nel peccato è difficile dirlo, perché affinché esista un peccato dev’esserci la piena consapevolezza del fatto che si sta facendo una cosa sbagliata, che va contro la volontà di Dio. La mancanza di conoscenza della dottrina cristiana fa sì che la persona non sia in colpa come potrebbe sembrare. Se c’è stato o meno peccato è nella sua coscienza. Spero che capisca che come cristiana cattolica dovrebbe essere più salda nella fede.

Capisco anche, Neusa, che noi cattolici dobbiamo essere più saldi nella testimonianza della nostra fede. Quanto allo sposo, se ha chiesto lui il matrimonio nella Chiesa evangelica e se da parte di lei non c’è stata alcuna richiesta, la sposa ha commesso una mancanza.

Quando c’è amore tra cattolici ed evangelici, l’unione dev’essere caratterizzata dal rispetto reciproco. Sarebbe stato molto bello se il matrimonio di sua figlia fosse stato celebrato come indica la Chiesa cattolica, il che non avrebbe impedito in alcun modo una riflessione e una benedizione da parte del pastore della Chiesa di suo marito. Spero che trasmetta a sua figlia quello che ho detto”.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni