Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 02 Dicembre |
Blanca de Castilla
home iconFor Her
line break icon

Selva, quando scoppia una bomba, fa "il gioco delle risate". Gliel'ha insegnato papà (VIDEO)

Mehmet Algan

Paola Belletti - pubblicato il 18/02/20

Come ne La vita è bella, questo papà protegge la figlia dall'orrore e dalla paura convincendola che la guerra sia un gioco.

La Siria è quel posto da dove ci arrivano come luce pulsata di un lontano universo notizie di orrori, morti, traumi, freddo e fame e tutte, tante, di queste lame sappiamo straziare bambini.

La bimba morta di freddo solo pochi giorni fa e ricordata da Papa Francesco all’Angelus del 16 febbraio è già diventata forse per noi un’icona, un simbolo, il ricordo cumulativo di tanti orrori, che sentiamo lontani e invece no, non lo sono.




Leggi anche:
Questa bimba è morta di freddo, tra le braccia del papà. Francesco ricorda la piccola Iman

E una bomba che esplode a pochi chilometri da noi, se avessimo 4 anni come Selva, un’altra piccola siriana, come sarebbe, vicina o lontana? Spaventosa o non troppo? O divertente, addirittura?

Dipende dal punto di osservazione, dipende dalla compagnia. Essere in braccio al papà, quando si è così piccoli, è come una promessa mantenuta, è sinonimo di speranza certa. Un luogo, quasi uno stato esistenziale, nel quale la realtà è tutta, ma proprio tutta, vivibile e positiva. Dalla vicinanza alla sua guancia più che dalla distanza dalle bombe viene alla piccola la sfrontata e del tutto ignara ingenuità che le permette di scoppiare a ridere, buffa e travolgente come solo i bimbi. Provate a guardare questo breve video, con già due milioni di visualizzazioni, e a non ridere e contemporaneamente a non sentire un sasso premervi il petto.

Il papà, Abdullah Al-Mohammad, che si è inventato per lei  “il gioco delle risate” sorride ma tradisce la propria angoscia o almeno a noi, adulti, genitori come lui, sembra di intravvederla. La paura se l’è tenuta tutta lui; si è improvvisato traduttore simultaneo come Benigni, il Guido de La Vita è bella, che spiega agli altri deportati e soprattutto a suo figlio Giosuè, le regole del gioco. E così per la sua piccolina gli scoppi che si sentono dalla casa dove ora sono rifugiati sono indovinelli: aereo o esplosivo?

Non è più vera così, la realtà, in questo abbraccio che non nell’angoscia insostenibile della guerra vista in volto senza veli?

La presenza, l’appartenenza a qualcuno che ci ama fa tutta la differenza. Anche se la guerra dovesse raggiungere questa famiglia con una brutalità ancora più feroce di quanto sia riuscita a fare finora, quel rapporto tra figlia e papà resterà preludio di una realtà verissima, più autentica di tutto, di ogni legame e amore terreno.

Così si legge su Repubblica:

Per distrarre Selva, 4 anni, suo padre Abdullah Al-Mohammad ha inventato un gioco. Ogni volta che una bomba viene lanciata a Idlib, ridono. Così riesce a non farla spaventare. Il video è stato condiviso su Twitter da Mehmet Algan, ex deputato del Partito della Giustizia e dello Sviluppo turco della regione di Hatay.
La famiglia è stata costretta a fuggire dalla propria casa a Saraqib – una città nella campagna a Est di Idlib – a causa della guerra civile. Ora vivono nella casa di un amico nella città di Sarmada, dove sono ancora circondati da esplosioni quasi costanti. Ogni volta che cade una bomba, Abdullah chiede: “È un aereo o è un proiettile?” “Un proiettile”, risponde la figlia nel video. “Sì, e quando arriverà, rideremo”, dice Muhammed.
Quanto più spaventoso è l’orizzonte reale tanto più radicale, audace e positiva diventa l’interpretazione che ne fa quest’uomo.
E’un gioco, le armi sono giocattoli e noi ridiamo. Lo stare allegri è un atto davvero eroico, rivoluzionario e potente contro il male. Così diceva anche Don Bosco. Che queste risate siano inconsapevoli schiaffi al principe della menzogna? che questa bugia così vera sia un colpo al cuore di chi campa sulla paura e l’odio?
“Non capisce cosa sia la guerra e io le faccio credere che i rumori provengano da armi-giocattolo”, ha spiegato Al-Mohammad a Sky News. “Ho deciso di insegnare a Selva questo gioco per prevenire il collasso del suo stato psicologico. Cerco di evitare che venga colpita da malattie legate alla paura.”
Perché uno degli effetti più indesiderati e meno evitabili dell’esperienza bellica per i bambini è proprio la devastazione psicologica, l’effetto distruttivo della paura sulla mente e il cuore di questi piccoli.
Selva, come tanti altri, è nata durante la guerra civile iniziata nel 2011 e che non molla la presa sfinendo di fame, gelo e colpi migliaia di civili.
Quando questa bimba sarà una donna e magari avrà ancora suo papà vicino, quando saranno usciti tutti da questa guerra, scoprirà di avere sempre indossato una veste in maglia metallica, di un metallo quasi estinto; resistente e protettiva come il mithril del Signore degli Anelli, «leggera come la piuma ma dura come le scaglie di drago». Leggera e cristallina come la sua risata, dura e resistente come l’amore di suo padre.
Tags:
bambiniguerrasiria
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
POPE FRANCIS ON CHRISTMAS
Giovanni Marcotullio
Non esiste alcuna “Messa di Mezzanotte”... sì...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
PIAZZA SPAGNA
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco sceglie la prudenza, niente pi...
MESSA NATALE
Gelsomino Del Guercio
Messa di Natale in sicurezza, i vescovi itali...
Silvia Lucchetti
Remo Girone e la fede ritrovata dopo la malat...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni