Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 27 Novembre |
Beata Vergine della Medaglia Miracolosa
home iconSpiritualità
line break icon

Non dimentichiamo quanto bene abbiamo già ricevuto

STARS

Nadin Panina|Shutterstock

don Luigi Maria Epicoco - pubblicato il 18/02/20

C'è una sorta di ateismo pratico che attanaglia le nostre vite: crediamo, ma viviamo come se non avessimo fede, siamo stati salvati tante volte, ma spesso dimentichiamo tutto il bene che abbiamo ricevuto. Dimentichiamo di non essere soli.

In quel tempo, i discepoli avevano dimenticato di prendere dei pani e non avevano con sé sulla barca che un pane solo. Allora egli li ammoniva dicendo: «Fate attenzione, guardatevi dal lievito dei farisei e dal lievito di Erode!». E quelli dicevano fra loro: «Non abbiamo pane». Ma Gesù, accortosi di questo, disse loro: «Perché discutete che non avete pane? Non intendete e non capite ancora? Avete il cuore indurito? Avete occhi e non vedete, avete orecchi e non udite? E non vi ricordate, quando ho spezzato i cinque pani per i cinquemila, quante ceste colme di pezzi avete portato via?». Gli dissero: «Dodici». «E quando ho spezzato i sette pani per i quattromila, quante sporte piene di pezzi avete portato via?». Gli dissero: «Sette». E disse loro: «Non capite ancora?». (Mc 8,14-21)

Che cos’è che prende normalmente il sopravvento nella nostra vita? La preoccupazione di ciò che ci manca:

Ma i discepoli avevano dimenticato di prendere dei pani e non avevano con sé sulla barca che un pane solo. Allora egli li ammoniva dicendo: «Fate attenzione, guardatevi dal lievito dei farisei e dal lievito di Erode!». E quelli dicevano fra loro: «Non abbiamo pane».

Davanti alla mancanza di pane i discepoli sembrano essere sordi ai discorsi di Gesù. Non riescono a capire cosa sta dicendo loro perché sono totalmente assorbiti da quello che pensano essere la cosa importante. È quello che capita molto spesso a noi quando la vita stravolge le nostre priorità e ci fa vivere tutti ripiegati su preoccupazioni lecite ma che a un certo punto si trasformano in vere e proprie paranoie che paralizzano la vita. E’ la stessa dinamica che vivono i discepoli: da una parte sanno che c’è Gesù, ma dall’altra vivono come se lui non ci fosse. L’ateismo pratico è ciò che trasforma la nostra vita di credenti teorici in inferno. Noi sappiamo con la nostra testa che non siamo soli ma viviamo come se fossimo soli davanti ai problemi. Per questo Gesù tenta di ricordare ai suoi discepoli l’episodio della moltiplicazione dei pani e dei pesci:

«Perché discutete che non avete pane? Non intendete e non capite ancora? Avete il cuore indurito? Avete occhi e non vedete, avete orecchi e non udite? E non vi ricordate, quando ho spezzato i cinque pani per i cinquemila, quante ceste colme di pezzi avete portato via?». Gli dissero: «Dodici». «E quando ho spezzato i sette pani per i quattromila, quante sporte piene di pezzi avete portato via?». Gli dissero: «Sette». E disse loro: «Non capite ancora?».

Certe volte basterebbe ricordarsi con molta lealtà di come il Signore ci ha già aiutato in passato. Se ricordassimo tutte le volte che abbiamo superato cose difficili forse ci ricorderemmo anche di dire a noi stessi: “perché non dovrebbe aiutarmi anche questa volta?”. Questa sorta di amnesia del bene ricevuto ci fa vivere male il presente.
#dalvangelodioggi

Tags:
vangelo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
ILARIA ORLANDO,
Silvia Lucchetti
Iaia: il dono di essere nata e morta lo stess...
Matrimonio cristiano
Karolina Kόzka ha preferito la morte alla vio...
NATALE, IENE, COVID
Annalisa Teggi
Natale, il suo canto di gratitudine commuove ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni