Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il Paese più cattolico del mondo dopo il Vaticano

Timor-Leste
Condividi

Se Papa Francesco potesse visitarlo, come si spera, attirerà molto l’attenzione

Si dice che Papa Francesco potrebbe visitare Timor Est quest’anno, come parte di un viaggio nelle più grandi Indonesia e Papua Nuova Guinea. Anche se molti non hanno mai sentito parlare di questo Paese – una Nazione di circa 1,4 milioni di abitanti nella zona sud-orientale dell’arcipelago indonesiano –, è degno di nota per molte ragioni, tra cui il fatto che, con una popolazione cattolica al 98%, ha la più alta percentuale di cattolici al di là della Città del Vaticano.

Timor Est spicca anche per le tante difficoltà che ha affrontato la sua popolazione. Tumulti e traumi hanno caratterizzato la storia di questa piccola terra alla fine del XX secolo, quando un terzo della popolazione è morto per violenza, malattie o fame.

Il cattolicesimo vi è arrivato all’inizio del Cinquecento grazie ai Portoghesi, che hanno mantenuto il territorio come propria colonia per più di quattro secoli (i Giapponesi lo hanno occupato brevemente durante la II Guerra Mondiale). Il portoghese resta la lingua ufficiale, insieme al tetum, una lingua austronesiana. Meno usati sono l’inglese e l’indonesiano.

Timor Est è diventato indipendente il 28 novembre 1975, e nove giorni dopo è stato invaso dall’Indonesia. Sono così iniziati decenni di conflitto tra le milizie indipendentiste di Timor Est e l’esercito indonesiano. Molti non combattenti, donne e bambini compresi, sono stati uccisi per le strade o arrestati per poi “scomparire”.

Quando è iniziata la carneficina, solo il 20% degli abitanti di Timor Est era cattolico, ma nel clima di violenza prolungata molti non cattolici hanno cominciato a volgersi alle chiese cattoliche come luoghi di rifugio fisico e spirituale. Buona parte del clero cattolico è stata anche molto esplicita riguardo alle violazioni dei diritti umani, e alcuni chierici hanno perfino offerto assistenza diretta ai combattenti indipendentisti.

Alla guida del clero che sosteneva i Timorensi c’era il vescovo Carlos Ximenes Belo, il cui coraggio e la cui autorità morale gli hanno fatto vincere il Premio Nobel per la Pace nel 1996, che ha condiviso con José Ramos-Horta, varie volte Presidente e Primo Ministro del Paese.

Papa Giovanni Paolo II ha richiamato l’attenzione internazionale sulla lotta di Timor Est quando ha visitato la capitale del Paese, Dili, nell’ottobre 1989. Durante la sua visita, la tensione era tale che mentre il Pontefice stava celebrando una Messa all’aperto è scoppiata la violenza tra i dimostranti timorensi, che lanciavano delle sedie, e la polizia indonesiana armata di bastoni.

Potrebbe sembrare una semplice schermaglia rispetto a quello che ha avuto luogo il 12 novembre 1991, quando circa 250 civili disarmati sono stati freddati dalle forze di sicurezza indonesiane durante la processione per un funerale nel cimitero di Santa Cruz a Dili.

Un troupe straniera è riuscita a girare delle scene del massacro. Il video, contrabbandato fuori Timor Est, è stato in seguito inserito nel documentario In Cold Blood: The Massacre of East Timor, che ha contribuito ad attirare l’attenzione internazionale sull’occupazione militare, che molti hanno iniziato a considerare colpevole di genocidio.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.