Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 27 Novembre |
Beata Vergine della Medaglia Miracolosa
home iconStile di vita
line break icon

Ecco perché essere single non significa solitudine o tristezza

NIE CHCĘ BYĆ W ZWIĄZKU

Parker Johnson/Unsplash | CC0

Catholic Link - pubblicato il 15/02/20

di María Belén Andrada

“E il fidanzato?”. Spesso negli incontri familiari qualche zia indiscreta pone questa temuta domanda. “Non c’è”, rispondiamo, e vorremmo aggiungere “Sono single, sola con me stessa, sola contro il mondo”. Beh, forse no, è un po’ esagerato.

Oggi, però, vorrei parlarvi di come affrontare il tema dell’essere single, come guardarsi in modo adeguato quando non si ha un partner. Iniziamo a riflettere un po’ sul tema della solitudine, perché è in qualche modo collegato al modo in cui ci percepiamo quando siamo single.

Mi riferisco al fatto che al giorno d’oggi ci sono atteggiamenti opposti al momento di parlare del fatto di essere single. Uno di questi è vederlo come qualcosa di terribile, perché in parte si collega – e in modo molto drastico – alla solitudine. E pensando alla solitudine, questa viene vista come un male da sradicare o una triste realtà che merita compassione, quando in realtà se sappiamo approfittarne è tutto il contrario.

Dall’altro lato, però, si può percepire il fatto di essere single anche come qualcosa di splendido, quasi un ideale elevato, che permette di fare ciò che si vuole e quando si vuole, concentrandosi su se stessi, sulla propria carriera, su quello che “ci fa bene”, ecc. Penso che questo aspetto abbia a che vedere con un’altra interpretazione errata della solitudine, vista come uno spazio interiore in cui non entrano né devono entrare gli altri.

La solitudine in sé non è negativa

In questi tempi in cui ogni pensiero è oggetto di un tweet e non usciamo senza documentare tutto ciò che facciamo su Instagram, credo che ci si disperi un po’ quando ci si trova da soli con se stessi, vivendo qualcosa che non si può condividere.

La solitudine viene considerata qualcosa di scomodo, e in un’epoca in cui non vogliamo che nessuno ci tiri via dalla nostra zona di comfort vogliamo liberarcene.

Imbattersi in questa crisi è però molto positivo per capire che siamo persone, e in quanto tali abbiamo uno spazio interiore, intimo, che ci appartiene e che non è per un’altra persona. Capire che quello che sentiamo non lo può provare nessun altro. Se lo capiamo senza frustrarci, possiamo trarne molte cose positive.

Ad esempio, imparando a vivere il silenzio che accompagna la solitudine possiamo crescere nella vita interiore. L’indipendenza ci fa maturare e valorizzare molto di più gli altri. Possiamo imparare a contemplare, e in questo modo di contemplazione scoprire quello che Dio ci vuole rivelare in ogni evento che ci si presenta.

Santificazione o egoismo?

Anche se possiamo trarre molti beni spirituali da una solitudine ben vissuta, spesso bisogna discernere se la nostra solitudine è una circostanza da santificare o un isolamento per egoismo, per il fatto di non avere pazienza con il prossimo, di volerci riservare del tempo per noi anziché condividerlo o per la superbia di pensare che nessuno possa capirci o anche “meritarci”, per il fatto di metterci al centro e di non voler cedere un po’ di spazio a chi ci circonda, e a Dio, che a volte spingiamo fuori dal nostro circolo, perché nessuno entri a turbare la nostra pace (apparente).

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
single
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
ILARIA ORLANDO,
Silvia Lucchetti
Iaia: il dono di essere nata e morta lo stess...
Matrimonio cristiano
Karolina Kόzka ha preferito la morte alla vio...
NATALE, IENE, COVID
Annalisa Teggi
Natale, il suo canto di gratitudine commuove ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni