Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!
Aleteia

Bambini scomparsi sopravvivono a una tempesta di neve grazie all’amore fraterno

SNOW
JayL | Shutterstock
Condividi

Dopo 24 ore al gelo, i ragazzi sono stati trovati e hanno raccontato una storia toccante

Di recente, un gruppo di fratelli in Alaska ha fatto una gita in motoslitta ma si è persa in una tempesta di neve. I bambini, tra i 14 e i 2 anni, sono stati dati per scomparsi quando non si sono visti cinque ore dopo l’orario previsto per il rientro nel loro villaggio rurale di Nunam Iqua.

Le autorità locali erano preoccupate, visto che uno dei bambini non era vestito in modo appropriato considerando le condizioni climatiche estreme, con venti fino a 100 chilometri orari e folate quasi ghiacciate. Come ha spiegato il Servizio Meteorologico Nazionale, in questa situazione la pelle avrebbe potuto congelarsi in meno di dieci minuti.

Per fortuna i bambini sono stati ritrovati in tempo grazie al loro spirito di iniziativa e all’occhio attento di un volontario. Anche se la zona era già stata analizzata, un membro della squadra delle ricerche, Bryan Simon, ha proseguito con il suo team e ha avvistato una strana massa nell’orizzonte innevato. Quando si è avvicinato, ha trovato i bambini stretti l’uno all’altro.

Avevano scavato un buco nella neve di circa un metro di diametro, ha spiegato Simon, e Trey Camille, di due anni, era in mezzo, protetto dai fratelli maggiori.

“Il bambino era lì, un altro gli stava sopra e a sinistra ce n’era un altro per difenderlo dalle correnti. Quello di 7 anni era sopra di loro, come a bloccare il vento”, ha spiegato Simon a Greg Kim per Alaska Public Media.

Un altro membro della squadra di salvataggio, Herschel Sundown, ha aggiunto: “Non scenderò nei dettagli per rispetto nei confronti dei ragazzi, perché da quello che ho sentito sono ancora in condizioni critiche. Dirò solo che sembrava una situazione estrema”.

Secondo il nonno, come ha riferito Kake.com, i ragazzi – Christopher Johnson, 14 anni, Frank Johnson, 8, Ethan Camille, 7, e il piccolo Trey – si stanno riprendendo.

“In tutta onestà non so come siano riusciti a farcela”, ha commentato Sundown. “La volontà di sopravvivere di questi ragazzi è sorprendente. Non ho mai visto niente del genere”. Forse la risposta è l’amore fraterno.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni