Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 23 Aprile |
San Giorgio
home iconFor Her
line break icon

Ma chi c‘è ad aspettarmi in quella chiesa sempre aperta?

CHURCH, OPEN, MASS

Pascal Deloche | Godong

Fraternità San Carlo Borromeo - pubblicato il 07/02/20

Storia dell'incontro tra un prete che non chiude mai la sua chiesa e di un uomo che solo da malato terminale ha scelto di entrare e chiedere aiuto.

di Simone Valentini

Ho trascorso qualche settimana, l’estate scorsa, nella nostra missione olandese, a Tilburg, dove don Michiel Peeters svolge principalmente il compito di cappellano presso l’università della città. L’incontro più significativo tra i tanti avvenuti in quei giorni, è stato quello con Wim (il nome è di fantasia), un uomo anziano, malato terminale di cancro, che ha chiesto a Michiel di essere accompagnato negli ultimi giorni della sua vita.


HIPSTER, YOUNG, MAN

Leggi anche:
Nostra Signora degli hipster ti aspetta per una preghiera in pausa pranzo

Dopo un’infanzia devota e anche qualche anno di seminario minore, come molti olandesi della sua età Wim aveva lentamente abbandonato la fede; lui stesso si era allontanato dalla Chiesa. La sua vita era poi stata segnata da molto dolore, un divorzio e la lontananza forzata dai figli. Infine, la solitudine e la malattia degli ultimi anni. Ogni mattina, per fare la spesa, passava di fronte alla cappella universitaria e non poteva fare a meno di notare la scritta “La chiesa è aperta” campeggiare sulla porta spalancata.

Così, quando la malattia è peggiorata e Wim è stato trasferito in un hospice a Dongen, un paesino vicino a Tilburg, si è ricordato della sua infanzia di fede e anche di quella chiesa sempre “aperta” vicino a casa. Una mattina si è deciso e ha chiamato Michiel, chiedendo un colloquio. Ho seguito Michiel che da quel momento, ogni settimana, iniziava a fargli visita, lo confessava e gli portava l’eucaristia.
Non capivo molto di quello che si dicevano ma guardavo il volto di Wim, segnato dal dolore e dalla malattia, diventare sempre più sereno, consolato dalla compagnia vera di Michiel e dal rinnovato rapporto con Cristo. Una vera esperienza di resurrezione, quella operata nella vita di Wim, un uomo che desiderava ritornare al rapporto che aveva reso così memorabile la sua infanzia e che poteva donare un senso anche alla morte.


FATHER, CHILD, HAND

Leggi anche:
La missione è dire al mondo che la Verità ci tiene per mano

Grazie a questo incontro, ho potuto sperimentare l’imprevedibilità dei frutti della missione e come essa sia opera di Cristo. Infatti, la presenza paziente di Michiel, il suo desiderio di tenere la chiesa sempre aperta, hanno reso possibile per quest’uomo l’incontro con Cristo. La missione spesso è una presenza silenziosa e paziente in un luogo che apre lo spazio d’azione alla missione di Gesù e ci permette di godere del suo manifestarsi.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA FRATERNITÀ SAN CARLO

Tags:
chiesamalattiamissione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Il Papa sui cristiani “malati” di protagonismo: non d...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
5
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
6
PRIEST,ROMAN,COLLAR
Ary Waldir Ramos Díaz
Aveva un contratto con la Roma, ma ha preferito firmare con Dio
7
Gelsomino Del Guercio
7 santuari uniti da una linea retta. La misteriosa fede per San M...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni