Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 05 Dicembre |
Beato Filippo Rinaldi
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Sono sacerdote, amo la mia tonaca ed ecco perché la uso tutti i giorni

KSIĄDZ W SUTANNIE

tomeqs | Shutterstock

Catholic Link - pubblicato il 06/02/20

di padre Juan Carlos Vásconez

Da quando sono stato ordinato sacerdote ho usato regolarmente la tonaca. A volte, soprattutto in occasione dei viaggi, indosso anche il clergyman. Ho sempre pensato che sia il mio strumento di lavoro, il mio modo di manifestare la mia condizione sacerdotale, e a volte anche di predicare senza parlare.

Lo stesso Papa Francesco ha dichiarato in un’intervista che ci sono sacerdoti e perfino vescovi che girano con la tonaca ma vivono in una “grande ipocrisia”, perché in fondo hanno un cuore mondano, mentre altri vestono semplicemente, anche senza abiti clericali, e hanno un grande amore per Gesù. Per il Pontefice, il segno fa senz’altro bene, ma non bisogna aggrapparcisi.

Il cuore in Cristo

Partiamo da un punto fondamentale: l’importante è avere il cuore riposto in Cristo, non nel mondo. Che poi ogni sacerdote faccia ciò che vuole e che ritiene sia meglio mi sembra ottimo, ma posso anche dire che a me piace usare la tonaca.

Scrivo questo post nel caso in cui qualcuno volesse sentire qualche altra ragione. Per prima cosa elenco i motivi umani che mi portano a usare la tonaca: anche se sembra strano è comoda! Non si deve pensare molto a cosa indossare (ho due tonache nere e due bianche per gli ambienti caldi), ed è il modo più rapido di vestirsi, basta un minuto!

Ma ci sono anche altre ragioni, più di tipo personale o psicologico. Quando ci si veste da sacerdote, si ricorda costantemente a se stessi chi si è. A me serve molto! Quando mi trovo davanti a uno specchio o in una foto e mi vedo in abito ecclesiastico penso “Sono di Dio”.

Mi ricorda ciò che sono, la mia vocazione, e ricorda anche al mondo l’esistenza di Dio. Fa bene ai credenti, che si rallegrano di vedere dei sacerdoti per strada e pregano anche per noi!

Un po’ di storia

Sì, sappiamo che nei primi secoli la tonaca non si usava. Alcuni storici sostengono che sia stata istituita da alcune Chiese locali alla fine del V secolo per dare ai loro sacerdoti un modo di vestire serio, semplice e austero.

Le testimonianze scritte dell’VIII secolo mostrano che l’uso dell’abito clericale è diventato a poco a poco obbligatorio. Anche se sembra divertente, all’inizio i colori non erano unificati. Il nero è stato quello che ha prevalso alla fine per un motivo essenziale: si tratta di un colore solenne.

In seguito sono stati dati sensi simbolici a questo colore, come quello della morte al mondo, ma il motivo per cui ha prevalso è che si tratta di un colore che esprime serietà, solennità. È curioso che il collarino si sia formato come un oggetto a parte, per una ragione molto semplice: era molto più facile lavare la parte del collo se era un pezzo indipendente.

In altre epoche, le camicie non venivano lavate ogni giorno, perché un chierico umile ne possedeva poche. Un povero parroco del XVII secolo poteva avere quattro camicie e un’unica tonaca. Se doveva lavare solo il collo era tutto più facile.

Segni della terra

La tonaca può anche presentarsi come un piccolo segno di povertà. Nel mio caso, non mi preoccupo di comprare cose che mi facciano avere un bell’aspetto o di stare attento a vedere se stanno bene insieme. Credo che mi serva per evitare di pensare troppo alle mode del mondo, e a pensarci bene, mantenere la tonaca per tanti secoli è come dire al mondo “Gesù Cristo è lo stesso ieri, oggi e sempre”.

Un dato significativo dell’impatto della tonaca davanti alla società è il fatto che molti regimi anticristiani l’hanno espressamente proibita. Suppongo che questo dovrebbe dirci qualcosa. Un autore moderno scrive “il sacerdote con la tonaca per la strada è come un grido per gli altri, un grido che dice loro ‘Dio esiste! Ecco qui uno dei suoi servi’. Per questo, Satana ha tanto interesse a che dalla vita pubblica scompaiano tutti i segni che fanno riferimento a Dio”.

I segni parlano molto se la gente li capisce, altrimenti non sono utili. Ad esempio, il costume stabilisce che la coppia debba consegnarsi a vicenda le fedi come simbolo di alleanza matrimoniale, indossandole nella cerimonia nuziale.

La fede nuziale si mette all’anulare della mano sinistra. Quando si vede una persona che porta quel segno, si sa che è sposata. Se si perde il senso del segno, questo perde il suo valore. Mi sembra che la tonaca sia un segno forte, e che la gente, almeno nel Paese in cui vivo, lo capisca. Di fatto, sono poche le persone in cui mi sono imbattuto per la strada che pensano che io sia mascherato o che sia uscito da una scena di Star Wars.

Un bacio al mattino e un altro la sera

Molto tempo fa ho sentito che San Josemaría Escrivá de Balaguer baciava la tonaca quando se la metteva, al mattino presto, o quando se la toglieva prima di andare a dormire. Fin dal primo giorno in cui ho iniziato a usarla, anch’io ho baciato la mia tonaca tutti i giorni, chiedendo al contempo a Dio di aiutarmi a portarla sempre con dignità.

Qui l’articolo originale pubblicato su Catholic Link.

Tags:
sacerdote
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni