Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 08 Marzo |
San Giovanni di Dio
home iconChiesa
line break icon

Papa Francesco incontra la donna che lo aveva strattonato

© VATICAN MEDIA | CPP

Ary Waldir Ramos Díaz - pubblicato il 06/02/20

Probabilmente questo gesto non diventerà virale come il primo, ma è forse una parabola moderna sul perdono, sul mettere da parte l'orgoglio e vivere la chiamata ad essere poveri in spirito

L’8 gennaio, al termine di un’udienza nell’Aula Paolo VI, Papa Francesco ha incontrato la donna orientale che gli ha fatto perdere la pazienza la sera di San Silvestro, quando salutando i fedeli in Piazza San Pietro ha reagito dando tre colpetti sulla mano alla fedele che lo aveva afferrato bruscamente per la mano tirandolo a sé.

Nel primo Angelus dell’anno nuovo, il Pontefice si era poi scusato del gesto dicendo “Anche io a volte perdo la pazienza, chiedo scusa per il cattivo esempio di ieri”.

Queste scuse, però, non sono state sufficienti per il Papa, che ha deciso di cercare la donna, come ha confermato l’ANSA, per dirle di persona cosa provava e chiederle scusa.

L’incontro non è stato commentato dal Vaticano, ma è stato confermato anche dalle foto ufficiali che ritraggono i protagonisti di questa storia a lieto fine nell’Aula Paolo VI. Nel linguaggio corporeo si nota il calore, tra una stretta di mano cordiale, volti distesi, sorrisi e la mano tesa da entrambi i lati.

In quell’incontro, senza telecamere e microfoni, Francesco ha ribadito di essere molto commosso e ha lamentato la sua reazione di quella sera.

Chiedendo perdono alla donna, il Papa ha messo in pratica il messaggio dell’udienza generale di questo mercoledì 5 febbraio: “Quanto è difficile ammettere un errore e chiedere perdono!”

Gli orgogliosi non sanno chiedere scusa perché pensano di aver sempre ragione, non sono poveri in spirito.

Tags:
donnepapa francescoperdono
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
Lucandrea Massaro
Blasfemia a Sanremo: “Perché mi percuoti?”
3
SANREMO, FIORELLO, AMADEUS
Annalisa Teggi
10 canzoni che hanno parlato di Dio dal palco di Sanremo
4
MAN, DARKNESS, FACE
Annalisa Teggi
Quando al diavolo scappò detto cosa può davvero fare la preghiera
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
FETUS 3 MONTH,
Padre Maurizio Patriciello
Puoi parlare di aborto perché tua madre non ti fece trascinare vi...
7
Gelsomino Del Guercio
Prete morto per Covid: lo aveva “profetizzato” in una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni