Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 20 Settembre |
Santi Andrea Kim, Paolo Ghong e 101 compagni
home iconStile di vita
line break icon

Un metodo per parlare un linguaggio che i figli capiscono

Mother - Daugther - Talk - Listen

© Solis Images

María Verónica Degwitz - pubblicato il 06/02/20

Passate la giornata dando ordini come un sergente?

La comunicazione con i nostri figli può diventare un viavai di ordini, ma possiamo cambiare prendendo in considerazione l’esempio di Fred Rogers.

Negli anni Settanta, la televisione statunitense ha trasmesso un programma che voleva allontanare i bambini dalla violenza e insegnare loro a essere gentili. Le vicende di Mr. Rogers sono diventate una pietra miliare della tv americana e parte della storia degli Stati Uniti. Quest’anno Tom Hanks interpreterà questo personaggio.

Il programma di Mr. Rogers era caratterizzato dal fatto di parlare ai bambini con un linguaggio che potessero comprendere e imitare. Con la consulenza della psicologa Margaret Mc Farland, si è costruito un linguaggio che cercava di avvicinarsi alla visione del mondo dei più piccoli. Il successo è stato enorme, e si è modellato un modo di esprimersi che rappresentava un esempio di educazione e buone maniere.

Noi genitori possiamo applicare alcuni dei principi di questo linguaggio per rinnovare il modo in cui parliamo ai nostri figli.

TALKING
Shutterstock | Stock Rocket

1 Trasformare il linguaggio

Spesso il nostro modo di parlare ai figli è pieno di divieti o minacce. Un cambiamento utile e costruttivo potrebbe essere trasformare queste frasi in positivo: anziché dire “Non puoi mangiare il dolce prima di cena”, si potrebbe dire “Ricorda che mangeremo il dolce dopo cena”. Questo piccolo cambiamento nel nostro modo di parlare può trasformare l’atteggiamento dei nostri figli e il nostro modo di relazionarci con loro.

  • 1
  • 2
Tags:
comunicazioneeducazionelinguaggiostati unititelevisione

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
6
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
7
Padre Ignacio María Doñoro de los Ríos
Francisco Vêneto
Il cappellano militare che si è finto malvivente per salvare un b...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni