Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 15 Giugno |
Sant'Eliseo
home iconSpiritualità
line break icon

C’è un’incredulità che è l’essenza della fede!

BELIEVE

WAYHOME studio|Shutterstock

don Luigi Maria Epicoco - pubblicato il 05/02/20

Gesù ci ricorda che la vera fede non è avere tutto sotto controllo: la fede non coincide con le nostre spiegazioni e supera i nostri ragionamenti. E' solo lì che sperimentiamo la vera Grazia!

In quel tempo, Gesù venne nella sua patria e i discepoli lo seguirono. Venuto il sabato, incominciò a insegnare nella sinagoga. E molti ascoltandolo rimanevano stupiti e dicevano: «Donde gli vengono queste cose? E che sapienza è mai questa che gli è stata data? E questi prodigi compiuti dalle sue mani? Non è costui il carpentiere, il figlio di Maria, il fratello di Giacomo, di Ioses, di Giuda e di Simone? E le sue sorelle non stanno qui da noi?». E si scandalizzavano di lui. Ma Gesù disse loro: «Un profeta non è disprezzato che nella sua patria, tra i suoi parenti e in casa sua». E non vi potè operare nessun prodigio, ma solo impose le mani a pochi ammalati e li guarì. E si meravigliava della loro incredulità. Gesù andava attorno per i villaggi, insegnando.

Marco 6,1-6

La pagina del Vangelo di oggi inizia con un dettaglio geografico fondamentale: Gesù torna nella sua patria fra la sua gente, nelle strade che lo hanno visto bambino, ragazzo, uomo. Proprio lì porta sé stesso come il grande annuncio di una buona notizia che riguarda anche loro. Ma invece di trovare la stessa accoglienza che ha trovato altrove, si ritrova un muro:

E si scandalizzavano di lui.

Essere scandalo significa essere pietra d’inciampo. Gesù non è percepito come un aiuto, ma come un impedimento. Ma questo è quello che capita anche a noi che siamo cresciuti in una società cristiana, abbiamo ricevuto un’educazione cristiana e poi diventando adulti sentiamo che proprio la fede in Cristo ci sta stretta, come se fosse d’impedimento alla nostra felicità. Questo capita perché facciamo lo stesso ragionamento che fanno i compaesani di Gesù. Abbiamo una visione solo umana di Lui. Possiamo spiegare tutti i dettagli dell’educazione ricevuta, e spiegare anche perché ora la sentiamo stretta. Ma avere la fede non è ricevere semplicemente un’educazione, ma incontrare qualcosa che è più grande di ciò che si pensa. Ridurre Gesù solo a ciò che penso di aver capito può far vivere ognuno di noi chiuso nel pregiudizio.

Ma Gesù disse loro: «Un profeta non è disprezzato che nella sua patria, tra i suoi parenti e in casa sua». E non vi potè operare nessun prodigio, ma solo impose le mani a pochi ammalati e li guarì. E si meravigliava della loro incredulità.

Essere increduli non significa necessariamente pensare che Dio non esiste. Può invece significare credere che Egli sia solo ciò che abbiamo in testa noi su di Lui. Quando il Dio della nostra fede coincide con le nostre spiegazioni allora è lì che la nostra incredulità non fa accadere nulla di diverso da ciò che abbiamo già previsto da soli. La fede è fede in ciò che supera i nostri ragionamenti, i nostri pregiudizi. È solo questa apertura che fa passare la Grazia necessaria a un cambiamento degno di questo nome. Diversamente Gesù è solo uno dei tanti argomenti del chiacchiericcio di paese.
#dalvangelodioggi

Tags:
parabole vangelo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Silvia Lucchetti
Matteo si è ucciso “in diretta” su un forum online. E...
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni