Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Genova, la suora accoltellata in chiesa è fuori pericolo. “L’uomo urlava sono Satana”

nun
By Anneka | Shutterstock
Condividi

Dario Mornaghino aveva disturbi mentali e voleva scagliarsi contro il parroco, quando suor Divya è intervenuta per difendere il sacerdote, subendo l’aggressione

«Non me lo aspettavo». Sarebbero queste le parole, ripetute più volte, pronunciate da suor Divya Naduvilathajil, 30 anni, indiana del Kerala accoltellata il 31 gennaio durante la messa da Dario Mornaghino, genovese di 57 anni con disturbi mentali, armato di coltello, entrato nella chiesa di San Francesco di Sestri Ponente a Genova.

Secondo la testimonianza della madre superiora della congregazione delle Figlie della Divina Provvidenza di don D’Aste la giovane suora ha trascorso la notte «abbastanza bene visto quanto successo» anche se «non ha dormito molto», in quanto «evidentemente scossa da quanto accaduto», ed «al momento non ha molta voglia di parlare».

Screenshot Google Images

“Sorpresa”

Dal racconto della madre superiora, suor Divya è rimasta sorpresa da quanto le è accaduto perché, fino al momento in cui è stata ferita, l’accoltellatore pur essendosi diretto verso l’ex parroco, don Giovanni Battista Delfino, non aveva compiuto contro di lui atti di violenza.

La madre superiora ha poi aggiunto che la sua consorella dovrebbe essere dimessa la prossima settimana, salvo imprevisti, per poi continuare la convalescenza presso l’istituto di Don Daste di Sampierdarena (Il Secolo XIX, 1 febbraio).

La dinamica dell’accoltellamento

Suor Divya era andata in chiesa insieme ad altre consorelle per partecipare all’adorazione e alla Messa presieduta dall’ex parroco ed attuale aiuto pastorale, don Delfino. A un certo punto è entrato in chiesa l’uomo, residente in zona, armato di coltello, che avrebbe detto: «Io sono il diavolo, sono Satana».

L’aggressore, a quanto si apprende, secondo una prima ricostruzione dei fatti, ha dato in escandescenze e quando la religiosa ha visto il coltello, non ci ha pensato due volte e ha cercato di fare da scudo al sacerdote.

Il prete, subito dopo le coltellate a suor Divya, avrebbe anche cercato di calmare l’uomo, facendolo sedere. Ma quando sul posto sono arrivate le volanti della polizia, si è nuovamente scagliato contro di loro, senza per fortuna ferire nessun’altro.

Aveva perso i genitori da poco

L’uomo, è emerso poi dalle indagini, avrebbe perso i genitori da poco. È un uomo conosciuto nel quartiere e seguito dallo stesso sacerdote che lo aiutava. Un disagio mentale che la perdita dei familiari avrebbe acuito, fino a farlo delirare nel pomeriggio, con l’esplosione inaspettata di violenza (Avvenire, 31 gennaio).

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.