Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 27 Novembre |
Beata Vergine della Medaglia Miracolosa
home iconNews
line break icon

Genova, la suora accoltellata in chiesa è fuori pericolo. "L'uomo urlava sono Satana"

nun

By Anneka | Shutterstock

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 04/02/20

Dario Mornaghino aveva disturbi mentali e voleva scagliarsi contro il parroco, quando suor Divya è intervenuta per difendere il sacerdote, subendo l'aggressione

«Non me lo aspettavo». Sarebbero queste le parole, ripetute più volte, pronunciate da suor Divya Naduvilathajil, 30 anni, indiana del Kerala accoltellata il 31 gennaio durante la messa da Dario Mornaghino, genovese di 57 anni con disturbi mentali, armato di coltello, entrato nella chiesa di San Francesco di Sestri Ponente a Genova.

Secondo la testimonianza della madre superiora della congregazione delle Figlie della Divina Provvidenza di don D’Aste la giovane suora ha trascorso la notte «abbastanza bene visto quanto successo» anche se «non ha dormito molto», in quanto «evidentemente scossa da quanto accaduto», ed «al momento non ha molta voglia di parlare».

Screenshot Google Images

“Sorpresa”

Dal racconto della madre superiora, suor Divya è rimasta sorpresa da quanto le è accaduto perché, fino al momento in cui è stata ferita, l’accoltellatore pur essendosi diretto verso l’ex parroco, don Giovanni Battista Delfino, non aveva compiuto contro di lui atti di violenza.

La madre superiora ha poi aggiunto che la sua consorella dovrebbe essere dimessa la prossima settimana, salvo imprevisti, per poi continuare la convalescenza presso l’istituto di Don Daste di Sampierdarena (Il Secolo XIX, 1 febbraio).




Leggi anche:
L’autodifesa sbarca in convento: così suor Maria Grazia combatte a Napoli aggressioni e rapine

La dinamica dell’accoltellamento

Suor Divya era andata in chiesa insieme ad altre consorelle per partecipare all’adorazione e alla Messa presieduta dall’ex parroco ed attuale aiuto pastorale, don Delfino. A un certo punto è entrato in chiesa l’uomo, residente in zona, armato di coltello, che avrebbe detto: «Io sono il diavolo, sono Satana».

L’aggressore, a quanto si apprende, secondo una prima ricostruzione dei fatti, ha dato in escandescenze e quando la religiosa ha visto il coltello, non ci ha pensato due volte e ha cercato di fare da scudo al sacerdote.

[googlemaps https://www.google.com/maps/embed?pb=!1m14!1m8!1m3!1d11397.32337121818!2d8.799804663696284!3d44.42637531430936!3m2!1i1024!2i768!4f13.1!3m3!1m2!1s0x0%3A0x9ef809e6b318fb7e!2sChiesa%20di%20San%20Francesco%20d’Assisi!5e0!3m2!1sit!2sit!4v1580762021530!5m2!1sit!2sit&w=600&h=450%5D

Il prete, subito dopo le coltellate a suor Divya, avrebbe anche cercato di calmare l’uomo, facendolo sedere. Ma quando sul posto sono arrivate le volanti della polizia, si è nuovamente scagliato contro di loro, senza per fortuna ferire nessun’altro.

Aveva perso i genitori da poco

L’uomo, è emerso poi dalle indagini, avrebbe perso i genitori da poco. È un uomo conosciuto nel quartiere e seguito dallo stesso sacerdote che lo aiutava. Un disagio mentale che la perdita dei familiari avrebbe acuito, fino a farlo delirare nel pomeriggio, con l’esplosione inaspettata di violenza (Avvenire, 31 gennaio).




Leggi anche:
Gravemente ferito, è stato liberato uno dei 4 seminaristi sequestrati in Nigeria

Tags:
disagiosuora
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
ILARIA ORLANDO,
Silvia Lucchetti
Iaia: il dono di essere nata e morta lo stess...
Matrimonio cristiano
Karolina Kόzka ha preferito la morte alla vio...
NATALE, IENE, COVID
Annalisa Teggi
Natale, il suo canto di gratitudine commuove ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni