Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

“Rituale di Riconciliazione”, la scultura colombiana che ornerà i Giardini Vaticani (VIDEO)

RIVERA CASTRO
Gabriela Guzmán R. | Gentileza Rivera Castro
Condividi

Si stanno ricevendo vari tipi di donazione per realizzare l’opera, che porterà un messaggio di speranza del popolo colombiano

Il popolo colombiano donerà alla Santa Sede la scultura Ritual de Reconciliación (Rituale di Riconciliazione), che rappresenta il momento storico che vive il Paese e verrà collocata nei Giardini Vaticani. Si tratta di una replica monumentale di quella che ha ricevuto Papa Francesco durante la sua visita in Colombia e che si trova nel suo studio.

Per la prima volta, un’opera d’arte colombiana troverà spazio in questo luogo privilegiato, dove non è comune che arrivino opere nuove. È il risultato dell’approvazione del Sommo Pontefice e delle autorità del Vaticano rispetto alla richiesta presentata dall’ambasciatore di Colombia e dal maestro José Augusto Rivera Castro, autore della scultura.

RIVERA CASTRO
Gabriela Guzmán R. | Gentileza Rivera Castro

“Siamo stati felici fino alle lacrime”, ha confessato il maestro ricordando l’accoglienza che ha ricevuto la proposta da parte del governatore del Vaticano, il cardinale Giuseppe Bertello, del vicedirettore della Cultura, monsignor Melchor Sánchez de Toca y Alameda, e di Barbara Jata, direttrice di Arte Contemporanea del Vaticano. “Non era mai accaduto, e men che meno che venisse collocata in uno dei luoghi in cui circolano più visitatori”, ha aggiunto.

Qualche giorno dopo, grazie a un gruppo di immigrati, la proposta è stata consegnata a monsignor Fabio Baggio, della sezione Migranti e Rifugiati del dicastero per lo Sviluppo Umano del Vaticano, che a sua volta l’ha trasmessa a Papa Francesco.

Il Pontefice l’ha subito approvata, e ha chiesto che venisse collocata nel Cortile della Pigna, uno dei luoghi più fotografati dei Giardini Vaticani. Verrà collocata accanto alla grande pigna bronzea che dà il nome al cortile e alla scultura Sfera con sfera, dell’architetto Arnaldo Pomodoro.

Una versione più piccola dell’opera verrà inclusa nella collezione permanente del Museo di Arte Contemporanea dei Musei Vaticani. È anche questo un fatto storico, ha ricordato il maestro Rivera, perché lì sono ospitate opere di grandi artisti, come Dalí, Rodin e Matisse.

Un progetto nazionale

La scultura Ritual de Reconciliación sarà alta 2,20 metri, per 3,20 di diametro. Verrà realizzata a Medellín, e sarà trasportata in due parti fino in Vaticano, dove verrà riassemblata.

“L’opera rappresenta un gruppo di persone di diverse età, razze e condizioni, che hanno vissuto la violenza che ha scosso la Colombia, si incontrano e si abbracciano per perdonarsi, proteggersi, parlare di un futuro pacifico e siglare una pace definitiva che si trasmetta da una generazione all’altra. In modo soggettivo evoca l’insegnamento, l’esempio, la memoria e i sogni”, spiega l’autore, che ha incluso un piccolo animale come promemoria del fatto che dobbiamo anche riconciliarci con la natura, gravemente compromessa dalle guerre interne.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni