Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 24 Settembre |
San Vincenzo Maria Strambi
home iconSpiritualità
line break icon

La Bibbia ci “autorizza” a venerare gli angeli?

don Marcello Stanzione - pubblicato il 31/01/20

Noi possiamo, noi dobbiamo venerare e invocare gli spiriti beati, in primo luogo per ragioni di convenienza; perché le Sacre Scritture ce lo raccomandano e ci danno l’esempio, perché questa è la pratica plurisecolare della Chiesa

Il culto degli angeli, la venerazione degli spiriti celesti, sono contemplati dalle Sacre Scritture? La risposta è affermativa. E vi diciamo perché.

Prima di tutto gli angeli sono spiriti che fin dal principio si mantennero fedeli a Dio e continuarono a prestare il loro servizio come messaggeri per realizzare una missione in favore degli uomini (Tb 5,4; Mt 1,20; Lc 1,26; 10,3; 12,7ss, ecc.). Per questa ragione meritano un onore speciale.

Giosuè e il Capo dell’Esercito del Signore

Quando fu presso Gerico, Giosuè alzò gli occhi e vide un uomo in piedi davanti a sé, che aveva in mano una spada sguainata. Giosuè si diresse verso di lui e gli chiede: “Tu sei dei nostri o dei nostri nemici? Rispose: “No, io sono il capo dell’esercito del Signore. Giungo proprio ora”. allora Giosuè cadde con la faccia a terra, si prostrò e gli disse: “Che ha da dire il mio signore al suo servo?”.

Rispose il capo dell’esercito del Signore a Giosuè: “Togliti i sandali dai tuoi piedi, perché il luogo sul quale tu stai è santo”. Giosuè così fece ( Gs 5,13-15). Gettarsi con la faccia a terra è un gesto di omaggio o rispetto verso una persona ( Cfr. Gen 33,3; 1 re 2,19; 2 Re) è il gesto che costituisce, bensì l’intenzione. Io sono Raffaele, uno dei sette angeli che sono sempre pronti a entrare alla presenza della gloria del Signore. Allora furono presi da grande timore tutti e due; si prostrarono con la faccia a terra ed ebbero una grande paura ( Tb 12,15-16).

PUBLIC DOMAIN
L'arcangelo Raffaele

“Dulia” e “latria”

Il culto che in quanto noi cristiani cattolicirivolgiamo ai santi angeli di Dio è quello della “dulia”, ovvero un culto fatto di rispetto e di onore, senza adorazione che è quello di “latria” che si rivolge unicamente alla santissima Trinità, invece il culto agli spiriti celesti è simile in tutto e per tutto al culto dovuto alla Madonna eai santi canonizzati in gloria.

Leggiamo nell’ultimo capitolo della Gerarchia celeste dello Pseudo – Dionigi l’Areopagita: “I pagani adoravano i demoni o geni malvagi, guardavano a loro come divinità.

Le condanne di San Paolo e del Concilio

Questo errore aveva lasciato tracce profonde nello spirito di numerosi neofiti da poco convertiti al Vangelo, che mantennero a lungo alcune delle idee di cui si erano imbevuti durante l’infanzia e in seguito si diedero a pratiche superstiziose verso gli spiriti celesti. Furono condannati da san Paolo, e dal Concilio di Laodicea (364 d.C.). “L’angelo dell’Apocalisse, davanti al quale san Giovanni voleva prosternarsi, glielo proibisce in questi termini: “Non farlo; io sono, come te, un servitore di Dio e dei tuoi fratelli”.


ARCHANGELS

Leggi anche:
Cosa significa che gli angeli di Dio sono “oranti”?

Ragioni di “convenienza”

Noi possiamo, noi dobbiamo venerare e invocare gli spiriti beati, in primo luogo per ragioni di convenienza; poi perché le Sacre Scritture ce lo raccomandano e ci danno l’esempio; infine perché questa è la pratica plurisecolare della Chiesa, confermata dalla testimonianza di numerosi santi e pontefici.

Ragioni di convenienza, in primo luogo: “Se , diceva il grande scrittore di spiritualità del diciannovesimo secolo Boudon, durante il cammino incontriamo cento volte un gran signore o un amico, non mancheremo ogni volta di presentar loro i nostri ossequi; e non dovremmo avere il medesimo riguardo per i principi del Cielo, i nostri amici più veri?”. “Quando due persone sono nemiche” diceva il vescovo Bossuet “i loro santi angeli sono amici e concorrono a riavvicinarle”.

ANGELS
Govert Flinck | Public Domain

“Gli angeli custodi dei vostri amici” scrive a sua volta l’arcidiacono di Evreux mons. Boudon “vi favoriscono negli incontri e vi aiutano ben più di quanto voi pensiate, e talvolta vi prestano soccorsi che non ricevete dai vostri stessi angeli custodi”. Peraltro, ricordiamoci cosa sono i santi angeli rispetto all’Altissimo, ciò che sono in sé e il ruolo che è loro assegnato nel mondo, e capiremo come siamo degni della massima venerazione.

Tramandata da Dio stesso

Tale venerazione è stata definita con chiarezza da Dio stesso, quando ha detto al popolo di Israele che avrebbe mandato loro il suo angelo, ammonendoli a rispettarlo e a dargli tutta la dovuta considerazione. Conformandosi al desiderio dell’Altissimo, i santi patriarchi dell’Antico Testamento veneravano e invocavano gli angeli:

Giacobbe chiede la benedizione dell’angelo contro cui si è battuto;

Il profeta Balaam si prosterna di fronte a quello che gli è apparso;

Giacobbe saluta rispettosamente colui che si definisce “il principe degli eserciti del Signore” e gli obbedisce.


POPE FRANCIS

Leggi anche:
Cosa pensa Papa Francesco degli angeli custodi?

Il culto nei secoli

Del resto, questa è la pratica della Chiesa: il capitolo XVII della Gerarchia celeste ci offre uno scorcio di quello che fu il culto degli angeli attraverso i secoli cristiani. Non riportiamo letteralmente tale brano, ma ne traiamo i seguenti dati:

– Gesù e i suoi discepoli, ripetendo i cantici ispirati dallo Spirito Santo al Re Profeta, ci insegnano a rispettare e a onorare le virtù celesti che così spesso, e con tanto entusiasmo, sono citate in questi cantici;

– La Chiesa invoca le stesse virtù ogni volta che nei santuari si intonano i salmi o i cantici con cui si chiede agli spiriti di Dio di lodarLo o di benedirci;

– I prefazi, uno dei quali risale a san Camillo, vescovo di Gerusalemme e successore dell’apostolo san Giacomo , declamano con gioioso trasporto lo splendore della gerarchia angelica;

– Gli angeli vengono nominati spesso nella SantaMessa, nelle parti in cui la Chiesa professa i dogmi più trascendenti.




Leggi anche:
Quanti sono gli angeli? Ecco la risposta di un autorevole studioso

Tags:
adorazioneangelivenerazione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
3
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
4
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
BIBLE
Patty Knap
Se soffri d’ansia, devi conoscere il consiglio più ripetuto nella...
7
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni