Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

«La mia cella già occupata da un’altra cristiana», lo rivela Asia Bibi

CHRISTIAN PERSECUTION
Condividi

Oggi vive libera con la famiglia in Canada, ma Asia Bibi non è la sola ad essere stata accusata di blasfemia in Pakistan. Shafugta Kausar, cristiana e madre di famiglia anch’ella, ha preso il posto di Asia Bibi nella cella della prigione femminile di Multan poco dopo la partenza dell’altra. Difesa col marito dal medesimo avvocato di Asia Bibi, stanno aspettando che il loro appello sia esaminato dall’Alta Corte di Lahore.

Condannata a morte in Pakistan per blasfemia, Asia Bibi avrebbe trascorso nove anni in prigione, prima di essere rilasciata il 31 ottobre 2018. Oggi vive in Canada, ma non può dirsi lo stesso di Shafugta Kausar. «Poco tempo dopo la mia partenza, la mia vecchia cella accoglieva già un’altra cristiana», scrive Asia Bibi in un libro-testimonianza (Enfin libre! [Finalmente libera!], appena pubblicato per le edizioni Rocher). Questa cristiana, Shagufta Kausar, madre di quattro figli dai 5 ai 13 anni, è stata condannata a morte nel 2014 insieme col marito Masih.

web2-asia-bibi-anne-isabelle-tollet-franc3a7ois-thomas.jpg
François Thomas
Asia Bibi et Anne-Isabelle Tollet

La coppia è accusata di aver inviato degli sms blasfemi: è stato l’imam di una moschea locale ad aver sporto denuncia. Secondo lui, Masih avrebbe inviato dei messaggini che insultavano il profeta, scritti in inglese, con l’aiuto della moglie. Un’accusa tanto più inverosimile in quanto i coniugi sono analfabeti. Difesi dal medesimo avvocato di Asia Bibi, Saif-ul-Malook, essi attendono che il loro caso sia esaminato dalla Alta Corte di Lahore.

WEB2-COUVERTURE-ENFIN LIBRE

Secondo la ONG cristiana Open Doors, oggi in Pakistan sono imprigionati cristiani in numero di una quarantina. Cecil Shane Chaudhry, direttrice esecutiva della Commissione nazionale pakistana Giustizia e Pace, stimava in 224, nel marzo 2019, il numero dei cristiani vittime della legge antiblasfemia a partire dalla sua adozione nel 1986.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.