Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 08 Maggio |
Santa Maddalena di Canossa
home iconCultura
line break icon

Dio ai Grammy 2020

for KING & COUNTRY

AMANDA EDWARDS | AFP

Martín Susnik - pubblicato il 29/01/20

L'onniscienza divina nel meglio della musica internazionale

La sera del 26 gennaio si è svolta presso lo Staples Center di Los Angeles (Stati Uniti) la consegna dei Grammy 2020, 62ª edizione dei premi dell’Accademia Nazionale delle Arti e delle Scienze della Registrazione al “meglio della musica”.

Com’è noto, tra i vari premi cinque sono dedicati in modo specifico alla musica di esplicita ispirazione religiosa: miglior album gospel (vincitore: Long Live Love di Kirk Franklin), miglior performance/canzone gospel (sempre Franklin con Love Theory), miglior album gospel (Testimony, della grande Gloria Gaynor), miglior album di musica cristiana contemporanea (Burn the Ships, di for KING & COUNTRY) e miglior performance/brano di musica cristiana contemporanea (ancora una volta for KING & COUNTRY insieme a Dolly Parton per God only knows).

Per il Re e la Patria

For KING & COUNTRY è un duo di rock alternativo cristiano formato dai fratelli australiani Joel e Luke Smallbone. Nati a Sydney, si sono poi trasferiti a Nashville (Tennessee, Stati Uniti) per via del lavoro del padre, nel settore musicale. Hanno iniziato la loro carriera con il semplice nome Joel & Luke; in seguito hanno scelto Austoville, per arrivare infine a quello attuale. For King and Country era il grido di guerra dei soldati inglesi disposti a sacrificarsi per il re e la loro patria, “e ora è diventato la nostra missione, sacrificarci per il nostro Re e il nostro Paese”, ha spiegato Luke.

Il duo si era già fatto notare ai Grammy 2015 nelle stesse categorie in cui è stato premiato quest’anno.

Il suo modo di pensare la musica e la sua missione emerge chiaramente in queste dichiarazioni: “Il potete della musica può influire sul nostro stato d’animo, sulle nostre emozioni, sulla nostra giornata, ma quando la forza della musica si fonde con il cuore, la speranza e la passione del gospel ha il potere non solo di cambiare la giornata di qualcuno, ma anche di colpirlo in modo permanente. È per questo che scriviamo musica e cantiamo. Speriamo che la gente si commuova e si mobiliti pr vivere una vita per qualcuno che è più grande di se stessi”.

Solo Dio lo sa…

La canzone premiata, God only knows (da non confondere con il famoso pezzo omonimo dei Beach Boys), sembra far riferimento fin dal titolo alla conoscenza divina, ovvero alla sua onniscienza. Ci sono infatti cose che solo Dio sa, e non ce n’è nessuna che non conosce.

Questo attributo divino è stato oggetto non solo di numerose discussioni e obiezioni teoriche, ma anche di un profondo rifiuto a livello esistenziale.

Per fare un esempio, il filosofo Jean-Paul Sartre menziona un episodio della sua infanzia dicendo che una volta, giocando con i fiammiferi, aveva bruciato un tappeto. “Stavo cercando di rimediare al guaio che avevo combinato quando, all’improvviso, Dio mi ha visto. Ho sentito il suo sguardo dentro la testa e nelle mani; giravo per il bagno, orribilmente visibile, come un bersaglio vivente”. Questa esperienza dello sguardo divino sembra essere stata decisiva: “Mi ha salvato l’indignazione; mi sono infuriato per quella grossolana indiscrezione, sono stato blasfemo, ho mormorato come mio nonno ‘Maledetto Dio, maledetto Dio’. Non mi ha guardato mai più”.

L’esperienza di Sartre non è poco comune. Pensare a qualcuno (o Qualcuno) che sa tutto, a cui non possiamo nascondere niente, il cui sguardo penetra nel nostro agire interno ed esterno può intimidire.

  • 1
  • 2
Tags:
musica cristianapremio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
TAMING TRIPLETS
Annalisa Teggi
Resta incinta mentre era già incinta: sono nate 3 bimbe e stanno ...
3
Gelsomino Del Guercio
Gesù e la lettura del Vangelo. Così Celentano “converteR...
4
Annalisa Teggi
Intrappolata in un macchinario tessile: muore Luana, mamma di 22 ...
5
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
PRAY
Philip Kosloski
Come sapere se la vostra anima ha subìto un attacco spirituale?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni