Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!
Aleteia

Perché non abbiamo più rapporti sessuali?

Condividi

Rimanere collegati alla persona che si ama è fondamentale nel matrimonio

Non solo piacere

Il contatto intimo non è solo piacere. Si tratta del fatto che la donna si senta femminile e l’uomo maschile.

Si tratta di sentirsi amati, voluti e attraenti per l’altro. Il rapporto intimo è un linguaggio completo che può collegarci in modo speciale.

Senza questo legame, la disconnessione si trasferisce ad altri livelli, e si perdono molte cose:

  • si smette di ridere agli scherzi,
  • non si va a dormire insieme,
  • non ci si diverte insieme o si smette di essere amici,
  • col tempo questo può portare ad allontanarsi sempre più, fino a creare un abisso tra i due.

“Quando conosci il modo in cui il tuo coniuge si collega con te, non devi capirlo totalmente o essere completamente d’accordo, ma devi farlo perché i rapporti sani si basano su una cura reciproca e su atti d’amore”.

Il desiderio può essere presente, ma non sarà necessariamente la forza sufficiente per iniziare l’avvicinamento. Per questo è raccomandabile essere ricettivi nei confronti delle avances del coniuge che è più interessato a fare sesso, anche se all’inizio il desiderio non si sente tanto forte. Man mano che ci si avvicina aumenterà.

Quando il coniuge invita a commentare un articolo che trova interessante, a spegnere il cellulare per trascorrere del tempo insieme senza interruzioni o a fare l’amore perché non si è vicini da molto, la risposta dovrebbe essere quella di un atto d’amore.

È difficile mettere l’altro al primo posto, ma è importante per imparare a prendersi meglio cura di sé e a non essere schiavi delle emozioni.

“Bisogna mantenere un dialogo fluido sul sesso e sulle decisioni che si prendono al riguardo in ogni tappa”.

C’è un problema quando uno dei due cerca il contatto fisico e l’altro lo minimizza o smette di dargli importanza. Questo può portare non solo a malintesi e grande sofferenza, ma anche al fatto che la persona che non vuole fare sesso finisca per diventare quella che gestisce la relazione e prende le decisioni.

Per la Weiner-Davis è interessante perché quando pensiamo alle decisioni che si prendono nel matrimonio sono sempre da prendere in coppia: sposarsi, investire o meno in qualcosa… Nel sesso, però, non è sempre così.

Molte cose si danno per scontate, e per questo in genere non si parla della qualità o della frequenza pur essendo una cosa tanto importante. Bisogna darle il valore che ha, parlare delle aspettative e di come si vive.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni