Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 24 Giugno |
San Giovanni Battista
home iconNews
line break icon

Il nuovo capo dell’Isis è il macellaio degli yazidi

via outreachmedia.org.au

Agi - pubblicato il 23/01/20

L'erede di Abu Bakr al Baghdadi, ucciso in un raid Usa il 27 ottobre scorso, si chiama Amir Mohammed Abdul Rahman al-Mawli al-Salbi

Amir Mohammed Abdul Rahman al-Mawli al-Salbi è, secondo l’intelligence, il nuovo capo del sedicente Stato islamico (Isis). L’erede di Abu Bakr al Baghdadi, ucciso in un raid Usa il 27 ottobre scorso, conta diversi alias tra cui Haj AbdullahAbu Abdullah al-Qurashi e Abdullah Qardash.

Padrino dell’ideologia estremista perseguita dall’organizzazione terrorista, l’uomo ha una storia nera di abusi e torture, contro anche donne e bambini, in particolare contro la comunità yazidi massacrata durante il breve califfato nel nord dell’Iraq.

Il sito Rewards for Justice, che fa parte del Dipartimento di stato americano, lo definisce come “ricercatore teologico” che e’ stato tra i leader non arabi dell’Isis dalla sua fondazione. Non vi sono informazioni confermate su quando si siano consolidati i rapporti di Haj Abdullah con Abu Bakr al-Baghdadi, ma in comune hanno la detenzione nel carcere di Camp Bucca nel 2004.

Amir al-Salbi ha conseguito una laurea nella sahria, la legge islamica, all’Università di Mosul. Secondo le informazioni di intelligence l’adesione all’Isis non è stata la sua prima fase di estremismo, poiché era stato coinvolto con al-Qaeda in Iraq.

Haj Abdullah è nato da una famiglia turkmena che viveva nella città di Tal Afar, nel nord-ovest dell’Iraq e appartiene alla provincia di Ninive, e i turkmeni iracheni hanno le loro origini nelle tribù turche e condividono ancora con loro molti legami culturali e linguistici.

Secondo quanto riporta il Guardian, al-Salbi su cui pende una taglia da 5 milioni di dollari, è attivamente ricercato in Iraq, in Siria e persino in Turchia, soprattutto dal momento che suo fratello Adel, attivo nel partito iracheno del Fronte turkmeno, risiede in Turchia e pare abbiano ancora rapporti.

Qui l’originale

Tags:
isisstato islamicoterrorismo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
3
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
4
saint paul
Giovanni Marcotullio
La Santa Sede contro il ddl Zan: è caso diplomatico
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
COUPLE GETTING MARRIED
Gelsomino Del Guercio
Il matrimonio si celebra in casa. La svolta della diocesi di Livo...
7
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni