Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Dalla paura alla pace: qualcuno protegge la tua vita

HANDS FLOWERS
Condividi

Hai bisogno di confidare in Dio per confidare in te stesso

Ho un grande desiderio di vivere in pace e con fiducia. È la felicità che il mio cuore desidera. Il sogno di vivere ancorato in un luogo sicuro, un porto stabile, una meta definitiva.

Mi spaventa quella sfiducia strana che mi si annida nel petto. Sorgono i dubbi e le paure, e la pace che credevo tanto sicura scompare immediatamente. Leggevo tempo fa sulla felicità sognata:

“Secondo i mistici, questa ricerca della felicità divina è il grande obiettivo della nostra vita. Per questo scegliamo di nascere, e per questo la sofferenza e il dolore di questa vita valgono la pena, perché ci danno l’opportunità di sperimentare questo amore infinito. E una volta scoperta la nostra divinità interiore, siamo capaci di mantenerla? Se è così, saremo felici”.

Ho bisogno di mantenere Dio in me per non perdere la felicità che desidero. Per vivere con radici profonde. Per avere il cuore in calma, in pace.

La fiducia è per me inafferrabile. Sento di essere stato deluso, o di aver deluso io stesso gli altri, e non credo più a quella fedeltà a prova di tutto.

Sorge la paura. Quella paura profonda e sibillina che mi sconcerta. Mi manca la fiducia per affrontare la vita, per decidermi a fare quello che non so fare. Per avventurarmi in sentieri sconosciuti. Commenta Brian G. Jett:

“Puoi conoscere il grado di fiducia in se stessa della gente ascoltando quello che dice su di sé”.

Cosa dico di me stesso? Chi sono io? Mi conosco o mi temo? Confido nelle mie forze? Conosco le mie debolezze e i miei pericoli? Commentava padre Josef Kentenich:

“Lo so per esperienza: cosa non sarebbe in grado di fare la mia natura se la lasciassi a briglia sciolta, se Dio non la legasse, se Dio non mi desse la sua grazia! Amore nei confronti di Dio e fiducia in Lui”.

Ho bisogno di confidare in Dio per confidare di più in me stesso. Guardo la mia anima inquieta. Non confido. Mi fanno paura le mie passioni, le mie debolezze. Diffido della grazia, del potere di Dio in me.

È come se al momento della verità fossi solo davanti al pericolo. Non posso far nulla. Non viene in mio aiuto colui che mi salva.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni