Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Santificare gli “avanzi” del pranzo della domenica: c’è dignità anche nello scarto

WASTE FOOD
nito|Shutterstock
Condividi

Quando ancora non c’erano gli chef stellati, quando il cibo non era uno show, ma qualcosa di necessario e anche lussuoso, allora non si buttava nulla e gli avanzi, da semplice scarto da passare al microonde, diventavano invece materia preziosa per nuove rielaborazioni!

Pubblico volentieri questo breve post dell’amico Mario Verna, che su Facebook ci tiene compagnia con le sue #pallinedinaftalina, brevi ma profonde riflessioni sulla famiglia e sulla vita. Una brillante carriera lo ha portato ai vertici di una grande azienda automobilistica; ma senza perdere di vista i veri valori che scaldano le nostre esistenze. Oppure è proprio la bussola di quei valori a non far perdere la rotta e condurre nel porto sicuro?

La cena della domenica sera era quella degli avanzi.

Nel giorno della festa, a pranzo, non erano previste mezze misure, perché, quando si fa festa, c’è bisogno di abbondanza.

E per questo i preparativi iniziavano al mattino presto, con spianatoie, mattarelli e braccia forti (delle nonne) ad impastare, e l’odore di soffritto e pomodoro che accompagnava la colazione.

Ma a quei tempi, la cucina circolare, che detto meglio “non si butta proprio niente”, era uno stile di vita e non un modo chic per essere cool.

FOOD WASTE
Amy Newton-McConnel|Shutterstock

La ragione era chiara e condivisa: il cibo è un dono, è il frutto di un sacrificio, il cibo è sacro.

E cucinare non era uno show ma una liturgia, in cui il reality era realtà e si cucinava per amore degli altri, si cucinava per condividere.

Per questo, la sera della domenica si rimettevano insieme gli avanzi del giorno, ma non con un colpetto di microonde direttamente nella vaschetta di plastica.

Proprio no.

Gli avanzi erano la materia prima di nuove rielaborazioni, di modifiche camouflage, di invenzioni creative, perché anche gli avanzi avevano la loro dignità.

E anche a cena, la domenica, la festa era santificata, come al “banchetto del re”.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DAL BLOG PANE E FOCOLARE

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni