Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!
Aleteia

Gravemente ferito, è stato liberato uno dei 4 seminaristi sequestrati in Nigeria

Conferência Episcopal da Nigéria
Condividi

I malviventi lo hanno lasciato sul ciglio di una strada. La Conferenza Episcopale continua ad agire in coordinamento con la Polizia per ottenere la liberazione degli altri tre

È stato liberato questa domenica, 19 gennaio, uno dei quattro seminaristi sequestrati in Nigeria l’8 gennaio.

Secondo la Fondazione Pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre, il giovane è stato lasciato sul ciglio di una strada tra Kaduna e Abuja:

“Uno dei seminaristi è stato liberato. Ieri pomeriggio è stato trovato sul ciglio di una strada. Era già molto malridotto prima di essere sequestrato, e le sue condizioni sono diventate drammatiche. È per questo che i sequestratori lo hanno liberato. Ora viene curato in ospedale e sta reagendo bene. Dio benedica tutti voi, e grazie per le vostre preghiere”.

La Conferenza Episcopale regionale dell’Africa Occidentale continua ad agire in coordinamento con la Polizia nigeriana per ottenere la liberazione degli altri tre seminaristi.

Il caso

La settimana scorsa, la Conferenza Episcopale Nigeriana ha chiesto preghiere per la liberazione dei 4 seminaristi sequestrati nel nord del Paese da un gruppo armato. La notte dell’8 gennaio, i malviventi hanno fatto irruzione nel seminario, in cui vivono 268 studenti, e sabato 11 sono entrati in contatto con le famiglie, ma senza chiedere un riscatto.

Anche se sembra inusuale trattandosi di un sequestro, è una strategia comune del gruppo fanatico islamico Boko Haram. I terroristi, alleati dello Stato Islamico in Africa Occidentale, hanno moltiplicato i sequestri dei cristiani, soprattutto di sacerdoti, per aumentare il panico tra i seguaci di Cristo ed eliminare gradualmente la presenza cristiana. Uno degli obiettivi dichiarati del gruppo è la creazione di uno Stato teocratico islamico basato sulla sharia, la legge islamica.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni