Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!
Aleteia

Cosa accade al vostro cervello se giocate con i vostri figli

MATKA Z SYNEM
Shutterstock
Condividi

La scienza si sorprende dell’attività cerebrale di un adulto quando gioca con i suoi bambini, ma è ancora più sorprendente ciò che fa quello del bambino

Giocare a nascondino. A palla. Con le macchinine. Disegnare. Cantare. Qualsiasi cosa. Giocare, giocare e giocare con i vostri figli. Secondo la scienza, è uno dei consigli migliori che possiate ricevere se volete contribuire allo sviluppo dei più piccoli.

Sappiamo già che il gioco aiuta a crescere, a sviluppare la creatività, a svolgere ruoli, ad affrontare il mondo… Giocare con mamma e papà, poi, crea un legame più che speciale tra chi gioca. Lo ha appena affermato uno studio dell’Università di Princeton.

ZABAWA Z DZIECKIEM
Oksana Kuzmina | Shutterstock

In base a questo studio, il cervello di genitori e figli si collega al momento di condividere i giochi e di avere un contatto visivo, e aiuta lo sviluppo di entrambi. Perché attenzione, in questa sincronizzazione non è sempre l’adulto a guidare…

Sappiamo che il contatto pelle contro pelle, tenere i bambini stretti al proprio corpo dal momento in cui vengono al mondo, abbracciarli e baciarli ogni giorno li aiuta a svilupparsi con più sicurezza.

Scoperta di un nuovo beneficio

Giocare crea un nesso unico e forte, una comunicazione che va al di là del gioco in sé e che beneficia entrambi, perché quello che ha affermato l’Università di Princeton è che sia il cervello dell’adulto che quello del bambino – anche se è molto piccolo – registrano una maggiore attività di ossigenazione e neuronale, ovvero il cervello migliora il proprio funzionamento per il fatto di giocare con il proprio figlio.

FAMILY
New Africa - Shutterstock

Si tratta del primo studio su come interagisce il cervello quando genitori e figli giocano, ed è stato realizzato nel cosiddetto Princeton Baby Lab, in cui i ricercatori dell’università analizzano come imparare a vedere, parlare e comprendere il mondo.

La “sincronizzazione neuronale” tra genitori e figli

“Studi precedenti avevano dimostrato che il cervello degli adulti si sincronizza quando vede dei film o ascolta delle storie, ma si sapeva poco su come si sviluppa questa ‘sincronizzazione neuronale’ nei primi anni di vita”, ha spiegato Elise Piazza, ricercatrice associata al Princeton Neuroscience Institute (PNI).

La Piazza e i coautori – Liat Hasenfratz, ricercatrice associata al PNI; Uri Hasson, professore di Psicologia e Neuroscienza, e Casey Lew-Williams, professore associato di Psicologia – assicurano che la sincronizzazione neuronale ha implicazioni importanti per lo sviluppo sociale e l’apprendimento del linguaggio.

Secondo i ricercatori, questa sincronizzazione si verifica nella corteccia prefrontale del cervello, che è quella in cui si verificano l’apprendimento, la pianificazione e il funzionamento esecutivo ed è una parte che finora non si pensava fosse troppo sviluppata nell’infanzia.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni