Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!
Aleteia

Non mi piaccio. Come posso riuscire ad amarmi?

Dima Aslanian | Shutterstock
Condividi

Le ferite all’origine della mancanza di autostima restano troppo spesso nascoste, ma c’è qualcosa – qualcuno – che può curarle

Spesso non mi sento scelto, eletto. Sono altri a valere, ad avere dei meriti. Altri che vale la pena di salvare e nobilitare. Altri, non io.

Può essere che i miei complessi di inferiorità derivino da questo. Ho guardato altri e li ho visti più capaci. E mi sono visto piccolo, insignificante, povero e senza valore. Mi sono sentito troppo miserabile.

So che molte delle mie paure e delle mie insicurezze si nascondono nel profondo della mia memoria. Nel profondo dell’anima. Nelle ferite passate che non ricordo.

E in quelle ferite, in quella rottura dell’anima, sento di non essere degno. Una sensazione che non mi viene tolta dagli applausi o dai riconoscimenti che cercano di placare la mia sete d’amore.

Ho toccato tante volte quella stessa ferita… In me, in molti di quelli che arrivano cercando misericordia. Ho visto ferite profonde e superficiali. Piene di pus, coperte di croste senza essere arrivate a guarire alla radice.

E in ogni grido violento, in ogni lamentela amara, ho visto una ferita nascosta. Perfino ignorata. Sconosciuta per la scarsa capacità di introspezione che ha l’uomo.

Quella ferita deriva dal fatto di non essersi sentiti amati in un grido di bambino che viene al mondo. In modo incomprensibile, ci portiamo dietro una zavorra difficile da eliminare. Il peso di un mondo che non ci riconosce, che non ci ama.

Con quanti “Mi piace” e grida di sostegno si soddisfa la mia anima ferita? Una catena interminabile di ricerche malate e disperate volendo sentire un grido attraverso le nubi:

“Questi è il mio Figlio prediletto, nel quale mi sono compiaciuto”.

Sono parole che la Bibbia mette in bocca a Dio stesso, che si è manifestato nel Giordano quando Gesù è stato battezzato. E allora si è rivelato il mistero che nasconde la carne mortale. Sono diventate vita le parole di Isaia:

“Ecco il mio servo che io sostengo, il mio eletto di cui mi compiaccio. Ho posto il mio spirito su di lui; egli porterà il diritto alle nazioni. Non griderà né alzerà il tono, non farà udire in piazza la sua voce, non spezzerà una canna incrinata, non spegnerà uno stoppino dalla fiamma smorta. Proclamerà il diritto con fermezza; non verrà meno e non si abbatterà, finché non avrà stabilito il diritto sulla terra; e per la sua dottrina saranno in attesa le isole. (…) ‘Io, il Signore, ti ho chiamato per la giustizia e ti ho preso per mano; ti ho formato e stabilito come alleanza del popolo e luce delle nazioni, perché tu apra gli occhi ai ciechi e faccia uscire dal carcere i prigionieri, dalla reclusione coloro che abitano nelle tenebre’”.

Il Messia, il salvatore, quello che deve cambiare il mondo. Il potere nascosto nelle tenebre. È l’eletto, colui che Dio sostiene. Nel Giordano si manifesta l’amore di Dio. Gesù, l’eletto, l’amato:

“Questi è il mio Figlio prediletto, nel quale mi sono compiaciuto”.

Dio si compiace in Lui. Un uomo tra gli uomini. Scelto, colui che Dio sostiene. Un uomo che non griderà né alzerà il tono. Non porrà fine a chi vacilla. Non ferirà il debole. Salverà i giusti. Riscatterà chi muore.

Queste parole mi colpiscono. Una scelta. L’amore che sceglie.

Cosa avrà provato nel cuore Gesù prima di arrivare al Giordano? Non posso mettermi nei suoi panni. Era uomo, era Dio. E Maria lo avrà amato con tutta l’anima, e anche Giuseppe. Non aveva sulla pelle la ferita del peccato. Gesù avrà assaporato l’amore in famiglia. Una scelta.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni