Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!
Aleteia

Triste e dispiaciuto. Così era Giovanni Paolo II quando fu eletto Papa

Herman Valencia
Condividi

Nei suoi scritti privati, Wojtyla confessa verità che mai nessuno avrebbe immaginato. E ribadiva che il celibato era “per sempre”

La tristezza al momento dell’elezione a Pontefice, i timori per la crisi della fede e i rischi per l’uomo in un mondo globalizzato. E ancora l’importanza delle suore nel mondo e un punto fermo sul celibato per i sacerdoti. Sono questi alcune dei pensieri privati di Karol Wojtyla, in “Sono tutto nelle mani di Dio, il volume con i suoi appunti personali dal 1962 al 2003 pubblicato dalla Libreria Editrice Vaticana.

In questi scritti, assolutamente inediti e in gran parte coincidenti con gli esercizi spirituali, si scopre un volto particolarmente umano di Giovanni Paolo II, che svela i sentimenti di un Papa, a tratti molto diverso dall’immagine pubblica che ci ha lasciato.

JOHN PAUL II
Gerard Julien I AFP

Sorriso che nasconde dolore

Un Papa triste quando fu eletto il 16 ottobre 1978. Eppure nessuno lo avrebbe immaginato, pensando ai sorrisi dispensati alla folla acclamante quella sera in Piazza San Pietro. Invece Wojtyla confessa nei suoi appunti privati di attraversare un momento non esaltante.

Tre giorni prima dell’elezione, il 13 ottobre, uno dei suoi amici più cari, monsignor Andrezej Deskur aveva avuto un ictus che gli aveva provocato una paralisi parziale e permanente. «Il sacrificio del mio fratello nell’episcopato mi sembra essere una specie di preparazione alla mia elezione a Papa», scriveva il neo Pontefice.

Il Concistoro

E’ stato monsignor Deskur, infatti, che negli anni Sessanta aveva introdotto Wojtyla per la prima volta in «molte questioni fondamentali» della Santa Sede, poiché faceva parte della Commissione per le Comunicazioni Sociali. E’ per questo che il Papa si sente suo «debitore».

Giovanni Paolo II, inoltre, fa un’analogia con un altro episodio accaduto sempre quando era a Roma, ma in occasione del Concistoro in cui fu nominato cardinale, undici anni prima. Anche in quel frangente un episodio tragico anticipò la bella notizia dell’elezione: morì in quei giorni, in un drammatico incidente ferroviario, un altro dei suoi amici più cari: don Marian Jaworski.

Le suore “colonne”

Quello degli appunti privati è anche un Wojtyla entusiasta per il ruolo delle suore nella Chiesa. «Le suore attraverso i voti scelgono Cristo come Sposo, in modo particolare entrano in questo “esse ad Patrem” (letteralmente essere prossime a Dio ndr), non soltanto individualmente, ma in un certo senso imprimono un segno di questo “esse” a tutta la loro vita sociale». Per questo «sono tanto necessarie alla Chiesa e nella Chiesa. Costituiscono in un certo qual modo la sua colonna».

Il celibato dei preti

Netta è poi la sua posizione sul celibato sacerdotale, che «è un mistero soprannaturale» e nello stesso tempo è «un dono di Dio». Il sacerdozio, evidenzia Giovanni Paolo II, «non si identifica con il celibato, ma il celibato sostiene il sacerdozio e gli dà un’efficacia particolare».

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni