Aleteia
martedì 20 Ottobre |
Santa Maria Bertilla Boscardin
Approfondimenti

Le Crociate sono state delle guerre giuste?

© Public Domain

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 18/01/20

Il contrasto al Califfato Islamico (Isis) in Iraq, oggi, può associarsi ad una guerra santa? Uno storico ci risponde

Qualche tempo fa Monsignor Luigi Negri, arcivescovo di Ferrara-Comacchio, è salito agli onori delle cronache per questa esternazione: «Noi, cristiani del Terzo millennio, alle Crociate dobbiamo molto. Dobbiamo che non si sia perduta la possibilità dei grandi pellegrinaggi in Terra Santa: nei luoghi della vita storica di Gesù Cristo e della nascita della Chiesa».

Alle Crociate, ha aggiunto monsignor Negri, «dobbiamo che si sia ritardata la fine della grande epopea della civiltà bizantina di almeno due secoli, e si sono soprattutto salvate dalla dominazione turca le regioni della nostra bella Italia, che si affacciano sul mare Adriatico, Tirreno e Ionio, falcidiate da quelle sistematiche incursioni di corsari e di turchi che hanno depauperato nei secoli le nostre popolazioni».

AFP PHOTO/BULENT KILIC
Members of Jihadist group Hamza Abdualmuttalib train near Aleppo on July 19, 2012. Rebels seized control of all of Syria's border crossings with Iraq on July 19, dealing a new blow to President Bashar al-Assad, as China and Russia dismayed the West by blocking UN action against his regime. AFP PHOTO/BULENT KILIC

Crociate in risposta al Jihad

Il professore Marco Meschini, storico e docente di Storia medievale, tra i massimi studiosi delle Crociate in Italia, condivide il pensiero dell’arcivescovo di Ferrara. «Le parole di monsignor Negri sono in sostanza giuste e, aggiungo volentieri, apprezzabili – ha dichiarato Meschini ad Aleteia –Dobbiamo sempre ricordare che le crociate di Terra Santa nascono come reazione al Jihad, cioè alla guerra santa islamica. Dunque è corretto affermare che le Crociate hanno sostenuto l’Oriente cristiano, cioè Bisanzio, pur se con episodi anche gravi di incomprensione, come fu per esempio la Quarta Crociata».

Uno scudo protettivo

A parte, questo, però, dal momento che le Crociate iniziano alla fine dell’XI secolo e finiscono alla fine del XIII secolo: in questo lungo periodo hanno creato «una sorta di scudo che ha protetto l’Oriente cristiano, e per la verità anche l’Europa Occidentale. Infatti dopo la conquista islamica di Bisanzio, nel 1453, il Jihad si è esteso nuovamente verso Occidente e, per fermarlo, sono serviti molti sforzi, coronati dalla vittorie di Lepanto (1571) e di Vienna (1683)».




Leggi anche:
La Santa Sede: «L’Isis va fermato subito È in atto un genocidio contro i cristiani»

Le assonanze con il califfato

Il docente è molto prudente nell’affiancare la questione irachena – dove i cristiani, nel 2014, sono stati cacciati via dalle proprie abitazioni nella Piana di Ninive – ad una crociata. «Qualche assonanza molto relativa con il cosiddetto Califfato Islamico (Isis) si può anche trovare – precisa il professore Meschini – ma il periodo storico e le motivazioni sono profondamente diverse».

© Public Domain

La tentazione di espandersi

La maggiore somiglianza è forse questa: al di là delle circostanze storiche, l’autoproclamato Califfato islamico che ha dominato in Iraq fino al 2019, «non fa altro che ripetere il costante refrain dell’Islam: espandersi in maniera politica e militare, oltre che religiosa, a danno dei vicini non islamici». In effetti, nel momento stesso in cui esiste una realtà politico-religiosa islamica (ricordiamo che per l’Islam politica e religione sono un tutt’uno, e il Califfato è tipicamente questo tipo di realtà), «ciò che le è proprio è espandersi ai danni di chi non è (ancora) islamico. Questa è concettualmente la sua identità».




Leggi anche:
Il Parlamento europeo non ha dubbi, l’Isis sta compiendo un genocidio contro i cristiani

Risposte tattiche all’Isis

In un certo senso, ragiona Meschini, «contrastare e magari anche arrestare una qualunque conformazione di questo tipo è similare a quello che hanno fatto le Crociate nel pieno Medioevo. Questa è la somiglianza, ma è anche l’unica». Invece, le dissomiglianze sono molteplici: innanzitutto, attualmente non c’è in Occidente una visione comune del mondo; al più, ci possono essere punti di contatto tra i singoli Paesi e, in questo modo, le risposte sono di natura più tattica che strategica».

Un’altra dissomiglianza è che «oggi non si combatte per riconquistare terre che erano cristiane. l’Iraq, l’Iran, ecc., non sono avvertiti – e in un certo senso non potrebbero esserlo – come territori cristiani. Invece le Crociate avevano come obiettivo proprio la riconquista della Terra Santa».

AFP / MOADH AL-DULAIMI
An Iraqi woman pushes a tricycle as government forces evacuate hundreds of Iraqis from the town of Heet in Iraq's Anbar province, to a safe area far from the battlefields where Iraqi troops are trying to retake the western town from the Islamic State (IS) group on April 4, 2016. Earlier in the week Iraqi security forces recaptured parts of Heet, which was one of the largest population centres in Anbar province still held by the Islamic State (IS) group, but other areas remain under jihadist control.Photo by Moadh Al-Dulaimi

La guerra giusta

Inoltre, c’è un elemento comune tra oggi e ieri nel concetto di “guerra giusta”, come ha ricordato anche Papa Francesco: è cioè legittimo (dal punto di vista giuridico, prima, più che morale) rispondere con una forza adeguata ad una violenza di aggressione. «Ma le Crociate – puntualizza lo storico – che furono senz’altro guerre “giuste”, erano anche guerre “sante”: e quanto una guerra giusta diventa anche guerra santa allora molte cose si complicano».




Leggi anche:
Tra i profughi cristiani di Erbil scappati all’orrore dell’ISIS

Una sola eccezione in 200 anni

Per esempio, c’è stato un caso di “deviazione” dagli scopi originari nel corso della quinta Crociata (1221): «invece di “limitarsi” a riconquistare i luoghi santi, il comandante supremo dei crociati volle tentare di portare la guerra direttamente contro Bagdad, cioè contro l’Islam in quanto tale: fu un fallimento clamoroso. Ma appunto si trattò di un solo caso, del tutto isolato in circa 200 anni di storia e oltre nove grandi spedizioni di respiro europeo».

Lo Stato Islamico è totalitario?

Quando diciamo “guerra giusta”, conclude Meschini, «ci riferiamo anzitutto ad un concetto giuridico e non morale. Ad esempio: la Seconda guerra mondiale contro il nazifascismo è stata una guerra giusta? Sì, certamente, ma ciò non significa giustificare tutto, men che meno dal punto di vista morale. Si pensi al bombardamento di Dresda, o all’uso della bomba atomica, e così via». Il nazismo era un’ideologia «violenta e totalitaristica, e quindi andava “giustamente” fermato. Tutto sta nel come giudichiamo la realtà così come emerge dalla Storia: questo sedicente Califfato è un totalitarismo oppure no?».


Monastery of the Martyrs Mar Behnam and Marth Sarah

Leggi anche:
Una bella vittoria per i cristiani in Iraq: inaugurata la chiesa distrutta dall’Isis

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
cristiani perseguitati in iraqcrociateiraq
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Religión en Libertad
Lo jihadista non è riuscito a decapitarmi: “C...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di D...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni