Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

7 fatti poco noti sulla Pietà di Michelangelo

CROPPED MICHELANGELO PIETA
Condividi

La scultura più toccante dell’arte cattolica ha una storia decisamente interessante

Tra tutte le sculture di Michelangelo, la Pietà è probabilmente quella più cara ai cattolici. Un Gesù senza vita viene rappresentato nell’abbandono spirituale nel grembo di una Vergine Maria dal volto angelico.

L’opera evoca un profondo senso del dolore, a simboleggiare la virtù da cui prende il nome, ma sono forse pochi i cattolici che sanno che la Pietà è stata a New York nel 1964 e che è stata quasi distrutta da un vandalo nel 1972. Ecco alcuni fatti poco noti su uno dei capolavori dell’arte cattolica.

1. Venne commissionata da un cardinale francese

Il cardinale francese Jean de Billheres, che cercava “l’opera d’arte marmorea più bella di Roma” per ornare la propria tomba, commissionò a un Michelangelo appena 24enne la realizzazione della Pietà. De Billheres scelse un tema allora popolare nell’arte nordeuropea, quello di Maria che piange sul Figlio morto poco dopo che questi è stato tirato giù dalla croce. È stato probabilmente il primo lavoro scultoreo di Michelangelo in cui le emozioni umane hanno giocato un ruolo così importante, in contrasto con altri suoi capolavori, tra cui il David, in cui gli esseri umani vengono rappresentati in modo più distaccato. Il risultato finale è una scultura toccante diventata davvero “l’opera d’arte marmorea più bella di Roma”, come aveva richiesto il suo committente.

2. La Pietà è l’unica scultura firmata da Michelangelo

La Pietà non è solo la scultura più famosa di Michelangelo, ma anche l’unica firmata dal grande maestro. Guardando da vicino le vesti di Maria, si può vedere il nome dell’artista inciso sotto il petto. Come spiegò lo storico dell’arte Giorgio Vasari, Michelangelo decise di firmare il suo lavoro dopo aver sentito delle persone che lo attribuivano a un altro scultore. Una sera, si dice che Michelangelo sia apparso con una lanterna e uno scalpello per assicurarsi che nessuno potesse più mettere in discussione l’autentica origine della Pietà.

3. È stata intagliata in un unico blocco di marmo di Carrara

La Pietà, che misura 1,74 m per 1,95, è stata intagliata in un unico blocco di marmo bianco e blu proveniente dalle famose cave di Carrara. Il blocco venne estratto eseguendo un profondo taglio nella cava, in cui vennero poi inseriti degli scalpelli metallici.

4. Venne trasferita nella basilica di San Pietro 200 anni dopo la sua realizzazione

Per i primi 200 anni della sua esistenza, la Pietà è stata collocata nella cappella di Santa Petronilla, un mausoleo vicino a San Pietro scelto dal cardinale de Billheres come luogo in cui riposare dopo la morte. Nel 1699 venne trasferita nella sede attuale, all’interno della basilica di San Pietro.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.