Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Lui a pesca, lei con le amiche: nelle uscite separate deve esserci il “pareggio”?

COUPLE
Roman Samborskyi|Shutterstock
Condividi

Due ore tu, due ore io, oggi la partita, domani però mi lasci il cinema con le amiche: attenzione, l’equilibrio e l'”ora d’aria” servono a ogni coppia, ma fare sempre i conti e mettere tutto sulla bilancia può essere estenuante e creare tensioni. Il dialogo e la consapevolezza degli equilibri che cambiano sono sempre fondamentali.

di Marco Scarmagnani

Quando ci siamo sposati io ero abituato a fare quello che volevo. Mi piaceva uscire con gli amici e soprattutto andare a pescare. Mia moglie mi ha fatto un sacco di scenate e alla fine me la sono messa via e sono diventato un maritino tutto casa e lavoro (e Messa). Adesso, a distanza di dieci anni, con i figli più grandi, lei esce con le amiche e guai se le dico qualcosa! È ipocrita che impedisca delle cose a me e poi le faccia lei, non ti pare?

Tiziano – Ancona

Caro Tiziano, la tua mail mi suscita riflessioni differenti. È giusto adattarsi alle richieste della moglie? Fino a che punto? E poi, nelle nostre azioni di coppia ci deve essere una sorta di “pareggio di bilancio”?

Un “Family man” pentito?

Sono due aspetti differenti che si compenetrano. Riguardo al primo aspetto, più che chiedersi se tua moglie abbia fatto bene a forzarti ad una condotta più compatibile con una famiglia con figli piccoli, penso sia opportuno che tu ti chieda quali sono i rapporti di forza. Perché – ad esempio – tu l’abbia vissuta come una forzatura e perché invece non ne abbia preso semplicemente atto. Non è un dettaglio indifferente. Certo, cambiare abitudini è sempre un po’ fastidioso, ma averti fatto notare che la responsabilità di cura dei vostri figli necessitava di una tua maggiore presenza mi sembra lecito. Invece nelle tue parole c’è un po’ di rancoroso che mi fa pensare ad una forzatura eccessiva, che ti brucia ancora.

Reciprocità, scambio, parità

Ecco il desiderio di “pareggiare i conti” che ci porta alla seconda riflessione. Lì invece mi sento di dirti che ti capisco e che un po’ di ragione ce l’hai, ma la stai esprimendo in maniera – perdonami – un po’ infantile. I figli sono cresciuti, le esigenze di cura sono cambiate, e anche il vostro rapporto è chiamato a maturare.

Non si tratta di ribattere “colpo su colpo” (esce lei 2 ore e allora ho diritto a 2 ore anche io!) ma di capire quali sono ora le tue esigenze e farle presenti da persona matura, che sa valutare i bisogni propri, quelli della propria famiglie e – perché no – quelle della coppia. Ma… uscire insieme? Mi farei qualche domanda anche su questo! Buon cammino!

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DAL BLOG SEMPRENEWS

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni