Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 06 Maggio |
San Domenico Savio
home iconStorie
line break icon

Daba, la piccola miracolata senegalese

POPE AUDIENCE

Antoine Mekary | ALETEIA

Camille Dalmas - pubblicato il 17/01/20

Per salvare Daba Diouf, sei mesi e pochi giorni di vita da vivere, il cardinale Peter Turkson ha fatto appello a una vera e propria catena di solidarietà. Da Dakar fino a Roma, sono decine le persone – volontari e professionisti, laici e religiosi – che si sono messi a servizio della bambina.

«Daba non vive che da sei mesi appena, ma adesso… aspetta solo di morire». È contro questo verdetto terribile, pronunciato con tristezza da suor Célestine, una francescana che lavora presso l’asilo nido di Dakar, che il cardinale Peter Turkson, Prefetto del dicastero per il servizio allo Sviluppo umano integrale, ha deciso di reagire circa un anno fa. Respingendo l’affermazione che la piccola senegalese non potesse vivere a causa della grande disgrazia che si è abbattuta su di lei fin dalla nascita, l’alto prelato ha chiesto alla sua collaboratrice Alessandra Silvi di mobilitare i migliori dottori dell’ospedale Bambino Gesù di Roma perché sia tentato anche l’impossibile per salvarla.

Una “Task Force solidale”

Di fatto, tutto era cominciato malissimo per Daba Diouf: appena due settimane dopo la sua nascita, la piccola aveva perduto la madre. Poco tempo dopo, le veniva diagnosticata una malformazione al cuore che la condannava a morte imminente. E la meschina non era venuta al mondo che da pochi mesi. Apprendendo la sua storia, il cardinal Turkson ha avviato una vera Task Force solidale per salvare la bimba.




Leggi anche:
Doveva morire appena nato, invece ha festeggiato il primo compleanno: la grande battaglia del piccolo Cosimo

Anzitutto grazie al lavoro del famoso Bambino Gesù di Roma, ospedale noto per il dominio particolarmente avanzato nelle cure pediatriche. La presidente Mariella Enoc, il chirurgo cardiovascolare “missionario” Sergio Filippelli sono stati incaricati di guarire ad ogni costo la piccola, e hanno dispiegato tutti i loro mezzi per lei. «La diplomazia vaticana ha lavorato duro» per salvare la vita di Daba, ha detto Alessandra Silvi a L’Osservatore Romano il 15 gennaio. Di fatto, far venire Daba in Europa è stato simile a un campo di guerra: anzitutto perché non bisognava separarla dalla sola famiglia che le restava, la zia Khadi, che neppure risultava all’anagrafe nel suo Paese! Eppure le sono stati dati un passaporto e un visto.

L’azione di “Kim”

Poi bisognava trovare un’aeroambulanza adatta al trasporto della bimba. Per coordinare l’azione, il cardinale ghanese ha fatto appello all’associazione “Kim”, che deve il suo nome al meraviglioso romanzo eponimo di Rudyard Kipling, nel quale un giovane abbandonato in India tenta di ritrovare suo padre – sullo sfondo del Grand Jeu geopolitico dell’epoca coloniale.


CARDINAL EDUARDO FRANCISCO PIRONIO

Leggi anche:
Un bambino guarito per intercessione del cardinale Eduardo Pironio

Creata nel 1997 da amici scout italiani, “Kim” ha adottato dal giovane eroe del romanzo la sua stupefacente capacità di sormontare le difficoltà con freschezza infantile e di passare le frontiere, ignorare i conflitti, per offrire soccorso a bambini condannati dalla mancanza di mezzi medici. Kim ha coordinato le differenti operazioni, facendo a sua volta appello all’associazione Flying Angels di Genova, specializzata nel trasporto di malati. Questo ha permesso alla piccola di fare il volo Dakar-Roma beneficiando di assistenza respiratoria. A Roma le équipes mediche hanno lavorato duro… e sono riuscite a salvare Daba, che oggi ha un anno e mezzo.


POPE FRANCIS MEETS THOMAS EVANS

Leggi anche:
Papa Francesco: profondamente toccato dalla morte del piccolo Alfie

Nell’udienza dello scorso 15 gennaio, Daba Dious, accompagnata dalla zia, ha ricevuto un dolce bacio da parte di Papa Francesco. Dall’orfanotrofio di Dakar all’Aula Paolo VI c’è un bel pezzo di strada, lastricata di speranza, che ha dato alla piccola Daba la possibilità di continuare a vivere.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Tags:
bambiniospedale pediatrico bambino gesusviluppo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
2
Gaudium Press
Sapevi che la fede nuziale può avere la forza di un esorcismo?
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Best of Web
Muore per 20 minuti, si sveglia all’improvviso e racconta d...
5
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
6
CHIARA AMIRANTE
Gelsomino Del Guercio
Chiara Amirante inedita: la cardiopatia, l’omicidio scampat...
7
VANESSA INCONTRADA
Gelsomino Del Guercio
Vanessa Incontrada: ho scelto di battezzarmi a 30 anni per ritrov...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni