Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il Vaticano che diventa “rosa”: ecco chi sono le donne scelte dal Papa

Francesca Di Giovanni
Condividi

L’ultimo incarico, nella Diplomazia, è per Francesca De Giovanni. Ed è il frutto di un ragionamento ben ponderato da Francesco

Si chiama Francesca Di Giovanni, fa parte del Movimento dei Focolarini ma soprattutto da oggi è la nuova sottosegretario della Sezione per i Rapporti con gli Stati in Vaticano.

La nomina di Papa Francesco per il settore multilaterale, oltre ad offrire un ruolo di prestigio per un settore diplomatico sempre più utile in un tempo “turbolento” come quello in corso, dà una prima donna nominata in Vaticano.

La carriera tra i Focolari

Da quasi 27 anni in Segreteria di Stato, la 67enne originaria di Palermo, si è laureata in Giurisprudenza e svolte da tempo diversi ruoli nel settore giuridico-amministrativo presso il Centro internazionale dell’Opera di Maria (per l’appunto, il Movimento di cui lei fa parte) (Vatican News, 15 gennaio).

“Scelta per competenze”

Per la nuova sottosegretario in Vaticano, intervistata da Vatican News e Osservatore Romano, la scelta di Papa Francesco di chiamare una donna «è una decisione innovativa, certamente, che, al di là della mia persona, rappresenta un segno di attenzione nei confronti delle donne». A sottolineare però la delicatezza dell’incarico ci pensa la stessa Di Giovanni che allontana la scelta «solo per il fatto di essere donna» in favore invece di una competenza in materia, «Ma – aggiunge la neo-nominata – la responsabilità è legata al compito, più che al fatto di essere donna».

Parafrasando le parole del Papa dello scorso 1 gennaio nell’omelia della Santa Messa di Capodanno, «La donna è donatrice e mediatrice di pace e va pienamente associata ai processi decisionali. Perché quando le donne possono trasmettere i loro doni, il mondo si ritrova più unito e più in pace».

Il vertice “rosa” dei Musei Vaticani

Di Giovanni è la quinta donna nominata da Papa Francesco ad un incarico di alto livello. Prima, Papa Francesco aveva nominato Barbara Jatta direttore dei Musei Vaticani e Natasa Govekar a capo della direzione teologico-pastorale del Dicastero della Comunicazione.

Donne al potere della comunicazione

Da ricordare anche la nomina di Paloma Garcia Ovejero a vicedirettore della Sala Stampa della Santa Sede, incarico che ha occupato dal luglio 2016 al 31 dicembre 2018, alla quale è poi succeduta un’altra donna, Christiane Murray.

In più, ci sono due donne sottosegretario del Pontificio Consiglio Laici, Famiglia e Vita, Gabriella Gambino e Linda Ghisoni (Aci Stampa, 15 gennaio).

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni