Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

San Domenico de la Calzada, il santo autore del Cammino di Santiago

CLAUSURA AÑO JUBILAR
@iglesiaenlarioja
Condividi

In Spagna chiusura solenne dell’Anno Giubilare e del Millenario dedicati al santo

Domenica 12 gennaio si è celebrata in Spagna la chiusura dell’Anno Giubilare e Millenario di San Domenico de la Calzada, con la chiusura della Porta del Perdono della cattedrale della località spagnola che porta il nome del santo. La “città” – titolo dato dai re di León e Castiglia –, che oggi ha più di 6.500 abitanti, è un luogo fondamentale del Cammino di Santiago, grazie al lavoro di San Domenico nell’XI secolo.

Il Cammino di Santiago, che scende da Roncisvalle (Pirenei della Navarra) e passa per Pamplona, Logroño e Burgos, è stato realizzato con la pietra da San Domenico, che contò sul favore del re Alfonso VI e sull’aiuto iniziale del cardinale Gregorio di Ostia (San Gregorio Ostiense), già legato di Papa Giovanni XVIII per aiutare e soccorrere le vittime della piaga delle locuste che avevano subito i territori di Navarra e La Rioja.

Chi era San Domenico de la Calzada? E perché il Giubileo?

San Domenico nacque a La Rioja nel 1019, per cui è stato celebrato il Giubileo del millenario della sua nascita. Era figlio di un agricoltore, Ximeno García, e quando i suoi genitori morirono voleva entrare nei monasteri benedettini di Valvanera e San Millán de la Cogolla, ma non ci riuscì. A vent’anni decise di fare l’eremita cercando un rifugio nei boschi vicini a dove oggi sorge la cittadina. Il cardinale San Gregorio Ostiense arrivò a Calahorra, sede episcopale di La Rioja. Lì conobbe l’eremita Domingo García, e lo ordinò sacerdote.

Domenico e il cardinale volevano abbreviare e facilitare il Cammino di Santiago, percorso da pellegrini di tutta l’Europa. Per questo fecero costruire un ponte di legno sul fiume Oja, che attraversa la regione di La Rioja, le cui acque scendono tra le rocce. Secondo la gente del luogo, il fiume ha dato il nome alla regione Rioja, nota per i suoi vini e l’agricoltura.

Una volta morto il cardinale Gregorio, Domenico portò avanti l’opera mettendo delle pietre sul cammino. Da lì il soprannome Domenico de la Calzada, e per questo è il patrono degli ingegneri civili. Domenico costruì anche un ostello per i pellegrini, un ospedale, una chiesa e un pozzo. In seguito elevò un tempio dedicato al Salvatore e a Santa Maria, che in seguito sarebbe diventato la cattedrale di San Domenico de la Calzada e che venne consacrato dal vescovo di Calahorra. All’esterno del tempio, il santo scelse il suo luogo di sepoltura. San Domenico morì nel 1109, a 90 anni. In quel luogo si iniziarono a costruire abitazioni e nacque un nucleo urbano.

La gallina che sopravvisse dopo essere arrostita

Molti miracoli si verificarono presso la tomba del santo, come la guarigione di un cavaliere francese posseduto dal demonio o quella di un normanno che recuperò la vista. Nessun miracolo è però famoso come quello dell’impiccato e del gallo e la gallina.

Nel XV secolo, un giovane tedesco di 18 anni si recò in pellegrinaggio a Santiago. Si chiamava Hugonell, ed era accompagnato dai suoi genitori. Si fermarono alla locanda, e una ragazza provò a irretirlo, ma lui rifiutò le sue avances. Lei, allora, per vendicarsi mise una coppa d’argento nel suo sacco e poi lo accusò di furto. Hugonell venne condannato all’impiccagione. I genitori non poterono fare altro che affidarsi all’apostolo Giacomo.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni