Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Preghiera prima della Comunione per la guarigione spirituale

HOLY COMMUNION
Antoine Mekary | Godong
Condividi

Gesù è il Medico Divino, e vuole guarirci nell’Eucaristia

A volte accostarsi alla Santa Comunione la domenica può diventare una cosa di routine, e perdiamo di vista la sacralità della questione. È fin troppo facile dimenticare che Gesù Cristo è lì, realmente presente sotto le sembianze del pane e del vino.

Dobbiamo ricordare che Gesù non è lì per il Suo bene, ma per la nostra salvezza. Vuole essere in comunione con noi ed entrare nel nostro corpo perché possa entrare più profondamente nella nostra anima.

Un modo per riuscire a ricordare questa verità profonda è non perdere di vista il ruolo di Gesù come Medico Divino. Se stiamo vivendo qualche sofferenza o dolore nel cuore, Gesù è dispostissimo a guarire quelle ferite con il Suo amore e la Sua misericordia.

Ecco una breve preghiera di Madre Mary Loyola, pubblicata nel libro Welcome! Holy Communion, che può aiutarci a risvegliare in noi il desiderio di permettere a Gesù di guarire il nostro cuore spezzato nella Santa Comunione.

 

Gesù, incoraggiami ad avvicinarmi a te per poterti toccare nella Santa Comunione, con fede e speranza, ad aprire a te, Medico Divino, le ferite della mia anima perché tu possa guarirle.

Sono malato e debole, perché scelgo sempre la strada in salita; mi stanco presto; mi scoraggio facilmente; non sono all’altezza di uno sforzo serio o prolungato; cerco sempre scorciatoie e riposo.

Sono cieco nei confronti delle mie mancanze, pronto a scusare in me stesso quello che condanno fermamente negli altri. Sono negligente nel mio dovere di supervisione, cieco di fronte alla sofferenza che mi circonda che dovrei invece conoscere e su cui dovrei vigilare, e per la quale verrò chiamato in causa. Dio mio, illumina la mia oscurità. Signore, fa’ che io veda!

Sono sordo. Le ispirazioni arrivano e io non presto loro attenzione. So che sono la tua voce, che mi esorta o mi rimprovera, suggerendomi un pensiero positivo, una parola o un atto gentile.

Nessuna lode si eleva nel mio cuore; nessuna richiesta di misericordia mi sale alle labbra. Non ho un caldo benvenuto per te che vieni per essere mio Ospite. O Signore, apri le mie labbra, e la mia bocca proclami la tua lode. Libera il mio cuore perché si riversi davanti a te. Insegnami a pregare, perché attraverso la preghiera possa ottenere da te tutto ciò di cui ho bisogno.

Lebbroso, paralizzato, cieco, sordo, muto… ho sicuramente bisogno della visita del Medico!

Gesù, Figlio di Davide, abbi misericordia di me. Figlio di Davide, abbi misericordia di me!

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni