Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La scienza concorda con Gesù sul fatto che queste cose portano a una vita felice

Condividi

Uno studio di Harvard ha seguito delle persone per 80 anni, e i risultati sono sorprendenti!

Avete letto i risultati dello studio che Harvard ha condotto per 80 anni, misurando la salute e la felicità delle persone? Lo studio è iniziato negli anni Trenta, ed è proseguito raccogliendo dati relativi ai figli dei primi partecipanti. Finora, i risultati hanno rivelato alcune tendenze marcate che mostrano cosa fa sì che una vita sia felice. Un’osservazione interessante è che i risultati sostengono quello che insegnano Gesù e il Nuovo Testamento. Ecco cinque modi per coltivare la felicità in base alle scoperte di questo studio, collegate a parole tratte direttamente dalla Bibbia.

La vostra qualità di vita, soprattutto man mano che l’età avanza, dipende dai vostri rapporti

Un risultato consistente dello studio è che la gente che ha rapporti positivi e stabili e sistemi di supporto a 50 anni è in genere più sana a 80 rispetto alla gente che non ha buoni rapporti. Anche Gesù sostiene i rapporti stabili e i vincoli comunitari. Invia i suoi a due a due (Luca 10, 1), ha formato una comunità di 12 uomini (gli apostoli) con cui ha viaggiato, insegnato e sperimentato la vita e dice che il più grande atto d’amore è dare la vita per i propri amici (Giovanni 15, 13), insieme al comandamento di amare il prossimo come se stessi (Marco 12, 31).

I matrimoni stabili rendono le persone più felici

Lo studio afferma che quando le persone hanno un matrimonio felice, riferiscono di essere più di buonumore nei giorni in cui sperimentano più dolore fisico del solito. D’altro canto, chi ha un matrimonio infelice riferisce di avere un umore peggiore e di provare più dolore fisico a livello quotidiano. La solitudine provoca anche la morte precoce, e i ricercatori ritengono che sia pericolosa per la salute quanto l’abuso di tabacco o alcool.

Gesù chiede di impegnarsi nei confronti del coniuge con i Suoi pronunciamenti contro il divorzio (Matteo 19). In seguito, nella Prima Lettera ai Corinzi, San Paolo esorta i mariti e le mogli ad amarsi, sostenendo rapporti amorevoli e positivi per entrambi gli sposi.

Nel lungo periodo, la felicità è la capacità di mangiare e bere con moderazione e di evitare alcool o tabacco

I dati dello studio mostrano che le persone che hanno condotto una vita felice e bilanciata avrebbero potuto compiere un’inversione di 180° se avessero iniziato ad abusare di alcool in passato. È vero anche il contrario – la gente che è ormai un “rottame” per via dell’abuso di alcool avrebbe potuto cambiare del tutto la propria vita trovando felicità ed equilibrio.

Gesù è d’accordo sul fatto che la moderazione è fondamentale, e predica il distacco dal mondo e l’attaccamento a Dio, chiedendosi a cosa serva guadagnare il mondo se si perde la propria anima (Matteo 16, 26). In molte occasioni, dice che è impossibile arrivare in paradiso se si è troppo attaccati alle cose terrene (è difficile entrare in cielo per un ricco, per l’uomo che sulla terra non fa che accumulare tesori e per quello che se ne è andato perché non voleva condividere le sue ricchezze con i poveri).

Mantenere un peso sano promuove la felicità a lungo termine

Questo aspetto include il fatto di rimanere attivi. Se Gesù non parla del fatto di mangiare bene o rimanere in forma, San Paolo sottolinea l’importanza di prendersi cura del proprio corpo perché è tempio dello Spirito Santo (1 Corinzi 6, 19), e ricorda anche di glorificare il Signore con il proprio corpo.

La capacità di affrontare gli alti e bassi della vita in modo sano è fondamentale per la felicità

Lo studio mostra questo, e il cristianesimo aiuta a mettere le montagne russe della vita in prospettiva: Gesù dice che non apparteniamo a questo mondo (Giovanni 17, 16), e condivide il modo in cui la nostra sofferenza in questo mondo ci aiuta davvero ad essere pronti per quello che verrà (Matteo 5, 3).

E allora, come possiamo essere felici? Se sia Gesù che la ricerca scientifica longitudinale concordano sul fatto che avere appetiti moderati, mantenere un senso di speranza e pazienza relativamente alla vita e dare priorità ai nostri rapporti (soprattutto al matrimonio se siamo benedetti con un coniuge) è importante per la nostra felicità duratura, allora impegniamoci in questo!

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni