Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 18 Giugno |
San Gregorio Barbarigo
home iconFor Her
line break icon

Ciclo femminile: meravigliarsi per l’opera di Dio

SWEARING

Shutterstock

Gabrielle Vialla - pubblicato il 14/01/20

Un invito fatto alle donne perché vivano il loro ciclo come una lode al creatore, un’occasione per stupirsi di quanto Dio fa per loro mediante il femminino.

La creazione ci parla del Creatore, cosí come l’opera di un artista ci istruisce sul suo artefice. Dio ha collocato dei cicli, nella natura: la rivoluzione solare, le stagioni ad essa connesse, il ritmo circadiano dei viventi, la respirazione… E ce n’è uno più nascosto perché più intimo degli altri: il ciclo femminile. Esso s’iscrive nella donna a partire dalla pubertà e vi resta fino alla menopausa. Certo, la femminilità è cosa ben più vasta del ciclo e non scompare con la menopausa, ma il ciclo mestruale è una realtà cardinale e imprescindibile, che testimonia la differenza e la complementarietà dell’uomo e della donna.




Leggi anche:
Donna e ciclo mestruale. Sempre diversa e sempre sé stessa

Invito le donne, ma anche gli uomini, a contemplare il magnifico dono dell’Incarnazione: il Verbo si è fatto carne fin dal concepimento, innestandosi nel ciclo della Vergine Maria. Quello zigote teandrico, già vero uomo come vero Dio, viene a salvarci passando da quella realtà pragmatica, ignorata, che è il ciclo femminile. Questo è l’oggetto della nostra fede, ed essa versa un nuovo lume sulla vocazione della donna ma pure su quella dell’uomo. Invito tutti a darsi il tempo di meditarne le implicazioni umane e spirituali.


GIRL, MOON, HANDS

Leggi anche:
Il ciclo mestruale, né tabù né leggenda: “osservati, sei parte della terra e del cielo!”

Ogni donna può vivere il suo ciclo non come un peso o come un luogo di potere (alla maniera delle femministe, che seguono Simone de Beauvoir), ma come una lode al Creatore nel proprio corpo. Le stagioni del ciclo sono una ricchezza per la fede, se la donna sceglie di riconoscerle e di lasciarsene orientare. L’abbiamo detto, ma consideriamo anche le conseguenze di questo assunto: la Vergine Maria ha vissuto il ciclo in tutte le sue dimensioni, dalla pubertà alla menopausa, passando per la gravidanza e l’allattamento.




Leggi anche:
AIFA: anticoncezionali ormonali causano depressione e suicidio

A volte il ciclo è malato. Bisogna cercare di curarlo. Alcune donne comunque possono essere dolorosamente private del loro ciclo, e non si tratta certo di un rifiuto da parte loro, ma di una chiamata a una partecipazione al mistero della Croce, che ha una sua propria e misteriosa fecondità.




Leggi anche:
La contraccezione è una proposta vecchia, il futuro è dei metodi naturali. Parola di Thérèse Hargot

Ricevere il femminino significa ricevere il carattere mariano della nostra fede: significa imparare ad amare d’amore filiale quella madre che Gesù ci lascia dalla Croce, imitarla nelle sue virtù. L’imitazione passa anzitutto per un vero sì a quel che Dio ha fatto e che è buono – anzi, «molto buono». Dio ha messo nella donna un ciclo per il suo bene naturale e spirituale. Esso è chiamato a irradiarsi a partire dalla donna tutt’intorno a lei – per alcune anche nella fecondità biologica, per tutte in una fecondità spirituale.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Tags:
ciclo mestrualefemminilefemminilitàfemminismo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
conduttore rai 1 diventa prete
Gelsomino Del Guercio
Addio al giornalismo: Fabrizio Gatta, il volto noto di Rai1, dive...
3
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
4
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
5
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
6
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
7
ANDREA BOCELLI FATIMA
Paola Belletti
Andrea Bocelli a Fatima: “Maria è il percorso obbligatorio ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni