Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

L’omosessualità può essere curata?

© Zurijeta/SHUTTERSTOCK
Condividi

Uno psicoterapeuta ci spiega che si può aiutare a correggere un disturbo di tipo “egodistonico”. Vediamo come

Esiste una terapia per l’omosessualità? La si può considerare un disturbo clinico o fa parte della natura dell’uomo? Uno psicoterapeuta, che da tempo studia e approfondisce queste tematiche, ha spiegato ad Aleteia che in alcuni casi le tendenze omosessuali si possono correggere con un percorso terapeutico.

Innanzitutto va fatta una distinzione di base. Si può distinguere l’omosessualità egosintonica, dove il soggetto riconosce psico-fisicamente la propria omosessualità e non vive conflitti derivanti dalla sua condizione, dall’omosessualità egodistonica, dove il soggetto è incapace di accettare o riconoscere il proprio orientamento e desidererebbe fortemente essere uguale alla maggioranza.

CC Guillaume Paumier

Come distinguere l’omosessualità

L’omosessualità egosintonica, ci spiega lo psicologo, non è considerata clinicamente rilevante, mentre fino all’edizione 2014 dell’autorevole manuale DSM dell’American Psychiatric Association, quella egodistonica aveva una rilevanza clinica. A partire dalla nuova edizione del manuale, anche l’omosessualità egodistonica è scomparsa.

Quest’ultima è invece ancora presente all’interno dell’altro autorevole manuale diagnostico, l’ICD (International Classification of disease) dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Il ruolo dello psicoterapeuta

Oggi, sottolinea lo psicologo, è la figura dello psicoterapeuta che è quella indicata a seguire una persona che si presenta da lui come omosessuale egodistonico, dunque sofferente per la propria condizione. La maggior parte degli psicoterapeuti liquida il caso dicendo a chi soffre a causa di una omosessualità indesiderata che non si può cambiare e che deve accettare questo orientamento. «Dubito che esista una omosessualità fisiologica – afferma l’esperto – quello che si può dire è che si hanno pulsioni omosessuali. Queste persone pensano di avere una essenza omosessuale la cui esistenza è tutta da dimostrare».

La volontà di cambiare

Per quelle persone che soffrono a causa di tendenze omosessuali egodistoniche è ipotizzabile, come accennavamo, un percorso terapeutico. «Bisogna fare innanzitutto un’analisi della domanda. Si fanno emergere quei contenuti che sottostanno alla domanda del paziente e che il paziente non ha presente. Questi è convinto di essere omosessuale e, quando ha di fronte il professionista, la domanda che pone è generalmente questa: sono omosessuale e vorrei cambiare questo orientamento. Un orientamento che lo fa soffrire».

Le tre domande

A quel punto lo psicoterapeuta cerca di capire quale significato hanno le pulsioni omosessuali. «Di solito faccio tre domande. La prima: che tipo di persona ti attrae? E qui di solito ognuno ha il suo tipo: il palestrato, l’atletico, l’efebico, ecc. La seconda: quale tipo di persona ha quelle caratteristiche che ti attraggono? E qui sposto l’accento dalle caratteristiche estetiche a quelle personali. La maggior parte dei pazienti dice di essere attratto da uomini virili, carismatici, forti, ecc.. Infine la terza domanda: perché queste caratteristiche personali sono così importanti per te?».

EZEQUIEL BECERRA / AFP
LGBTI activists demonstrate in front of the Supreme Court of Justice in San Jose, on August 04, 2018 to demand the legalisation of same-sex marriage.Protesters demand Costa Rica to enforce its commitment to international treaties, based on the response given by the Inter-American Court of Human Rights (ICHR) on last January 9 saying the country must guarantee marriage between same-sex couples. / AFP PHOTO / EZEQUIEL BECERRA

Problema esistenziale

La risposta nella stragrande maggioranza dei casi è la seguente: «Perché sono le caratteristiche che vorrei avere e non ho». In questo caso al paziente diventa assolutamente chiaro che la sua attrazione ha un significato profondo, non legato all’aspetto fisico. Ha a che fare con se stesso, con qualcosa che per lui è molto importante a livello esistenziale. L’oggetto della conversazione non è più l’omosessualità, ma l’immagine di sé, il desiderio di essere amato incondizionatamente, accettato pienamente per quello che è. Domande profonde, che meritano rispetto ed attenzione».

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni