Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!
Aleteia

Il fonte battesimale dei re francesi realizzato da artigiani musulmani

Baptistère de saint Louis
Condividi

Un’origine sorprendente per un oggetto sacro

Una serie che analizza le arti visive per trovare i segni della Chiesa universale in luoghi a volte inaspettati.

È ospitato oggi al Museo del Louvre il fonte battesimale dei re francesi, usato per l’ultima volta nel 1856 per battezzare l’unico figlio dell’imperatore Napoleone III.

Come sia arrivato in Francia è un mistero, ma secondo le scritte in arabo è stato realizzato da Muhammad ibn al-Zayn e doveva servire a portare del cibo. Probabilmente prodotto in Siria nel XIV secolo, verosimilmente non sapremo mai chi l’abbia commissionato, ma all’epoca c’era un notevole dialogo tra l’Occidente e il Medio Oriente.

Molti nobili europei commissionavano infatti preziose opere intarsiate agli artigiani musulmani, e al mondo islamico venivano ordinati anche oggetti sacri come i fonti battesimali, anche se questo oggetto in particolare sembra aver avuto originariamente uno scopo culinario.

baptismal font detail; st louis
courtesy of Lucien de Guise

Lucien de Guise è su Instagram @crossxcultural. Cattolico, scrittore, editore, curatore ed ex direttore di musei, vuole gettare ponti attraverso l’arte.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni