Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il ruolo essenziale dei padrini nella Chiesa delle origini

godparents
Pascal Deloche | Godong
Condividi

Erano necessari a livello sia pratico che spirituale

Nel mondo odierno, i padrini vengono visto in genere come persone che giocano un piccolo ruolo nella cerimonia battesimale e poi inviano biglietti il giorno del compleanno del figlioccio. Al di fuori di queste situazioni, il ruolo dei padrini nella cultura moderna è virtualmente assente.

Nella Chiesa delle origini, tuttavia, i cristiani ne avevano bisogno per motivi di grande rilievo.

Nei primi secoli, il Battesimo veniva in genere amministrato in segreto, visto che spesso gli imperatori romani perseguitavano i cristiani. Questo significava che i cristiani dovevano stare attenti a chi ammettevano nella fede. Era perfettamente possibile che qualcuno che desiderava il Battesimo fosse in realtà una spia che cercava di infiltrarsi nei loro incontri segreti! Poteva essere ammessa solo una persona accompagnata da un cristiano noto ai sacerdoti e ai vescovi della comunità locale.

D.D. Emmons spiega su Our Sunday Visitor un’altro motivo per cui i padrini erano necessari:

“I cristiani erano molto cauti e adoravano in modo nascosto. Chiunque volesse unirsi alla loro comunità veniva sottoposto a un’attenta valutazione. Ogni persona che si presentava era sempre accompagnata da qualcuno che era già cristiano, uno ‘sponsor’, che garantiva per lui. Lo sponsor attestava la sincerità e il valore morale della persona”.

Una persona non veniva ammessa nella comunità cristiana a meno che una persona che ne fosse già membro non la presentasse e attestasse l’autenticità del suo desiderio.

Lo “sponsor” accompagnava anche il richiedente nel processo di diventare cristiano, aiutandolo in ogni passo dell’iter. È anche per questo che gli sponsor o “padrini” erano richiesti per il Battesimo dei bambini.

Se i genitori di un bambino avevano la responsabilità principale dell’educazione dei figli nella fede, non era un compito semplice nell’Impero romano, e serviva l’assistenza (e la responsabilità) di altri.

L’attuale Codice di Diritto Canonico riflette questo antico costume cristiano:

“Al battezzando, per quanto è possibile, venga dato un padrino, il cui compito è assistere il battezzando adulto nell’iniziazione cristiana, e presentare al battesimo con i genitori il battezzando bambino e parimenti cooperare affinché il battezzato conduca una vita cristiana conforme al battesimo e adempia fedelmente gli obblighi ad esso inerenti” (n. 872).

Se i genitori morivano o non riuscivano ad allevare il figlio nella fede cristiana, i padrini si facevano avanti e assicuravano che il bambino venisse allevato in modo adeguato.

I padrini oggi seguono questa tradizione, e se spesso vengono considerati in un modo più simbolico, sono incoraggiati a vivere i loro doveri e ad essere un forte esempio di discepolato cristiano per i propri figliocci.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni