Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 19 Gennaio |
Santi Mario e Famiglia
home iconFor Her
line break icon

A chi piace portare croci? Eppure...

CROSS AND GUITAR

Di Chat Karen Studio - Shutterstock

MIENMIUAIF - MIA MOGLIE ED IO - pubblicato il 10/01/20

Giuseppe Signorin, dei Mienmiuaif: siamo costretti ad interrompere la nostra piccola missione di evangelizzazione attraverso i concerti a causa di un problema di salute. Ma ogni croce porta luce e "funziona" molto più di qualsiasi mirabolante performance sul palco.

Niente è più attuale di una cosa eterna #13 – Giuseppe Signorin

Partiamo da san Paolo, attuale ed eterno come sempre: “Cristo crocifisso, scandalo per i Giudei, stoltezza per i pagani”. Se c’è qualcosa che non va mai fuori moda è la croce. Le croci riempiono i giornali e le nostre esistenze. Chi non ha croci? Le croci danno fastidio. A volte, giustamente, le troviamo insopportabili. Inguardabili. Ma la croce salva. Cristo è venuto per salvarci sulla croce. Per ribaltare la logica di questo mondo. Dio ci ha amati al massimo inchiodato sulla croce.


CRISTO CORONATO SPINE

Leggi anche:
La bellezza che salva il mondo è sfigurata

E arriviamo a me. Sono mesi che soffro di un’infiammazione cronica piuttosto invalidante (preferisco non entrare nei dettagli) che sta condizionando la nostra vita sotto tanti punti di vista. I medici non hanno soluzioni per questo problema. Non si capisce bene. Le stiamo provando tutte. Parlo al plurale perché noi siamo una cosa sola, siamo sposati, e la croce che ha colpito il mio corpo la viviamo entrambi. Magari guarirò, o migliorerò molto. Chi lo sa? Abbiamo deciso, dopo il viaggio a Medjugorje, di interrompere per i prossimi mesi i concerti che negli ultimi anni hanno stravolto i nostri piani portandoci in giro per l’Italia (avevamo già dovuto annullare un po’ di date i mesi scorsi). Col problema che ho non è più possibile, ho bisogno di tempo (indeterminato, come i contratti) e tranquillità per curarmi e cercare di gestire la situazione. È una croce scomoda e non voluta. Ma chi vorrebbe mai una croce? So però che dentro questo limite, che non sopporto, c’è Luce. Non sempre la vedo. Ma c’è. E la nostra missione non è finita. Anzi, la croce entra nella missione, e offerta porta certamente più frutto di mille performance. Possiamo pregare e da casa continuare a creare contenuti per i social, fare video, canzoni, libri. Si vede che al Signore, al momento, va bene così. Vai a capire.


ANITA MIENMIUAIF ADORARTI

Leggi anche:
Adorazione eucaristica: un pezzo di pane davanti agli occhi, tutto qui…Tutto è qui! (VIDEO)

C’ho messo 5-6 mesi a fare outing. Ma visto che la cosa non passa, mi pare giusto dirlo. Delle croci ci si vergogna, c’è poco da fare. Io perlomeno non mi sono mai svegliato di notte con il forte desiderio di mostrare a tutti i miei limiti. Credo che per pudore sia bene tenere per sé molte cose, custodire una sfera privata, ma dal momento che questo problema condiziona la missione “pubblica”, per quanto piccola, che come Mienmiuaif stiamo portando avanti, mi pareva giusto dirlo. Chiediamo preghiere, quelle sono preziose e potenti. Nel frattempo, continueremo a lavorare sui nostri progetti. Per esempio su una canzone che spiega bene come ho conquistato mia moglie grazie al mio outfit. Anche il mio modo di vestire, infatti, è sempre stato un punto debole, secondo Anita. Ma proprio con questo l’ho conquistata. Non è esattamente una croce come l’infiammazione che mi tormenta da mesi, ma un qualche grado di parentela c’è. Le croci, da quelle serie a quelle meno serie, sono sempre al tempo stesso un ostacolo e un passaggio segreto. Che porta più vicini a Cristo.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO SUL BLOG DEI MIENMIUAIF MIA MOGLIE ED IO

Tags:
croceevangelizzazionesofferenza
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
2
LEANDRO LOREDO
Esteban Pittaro
Morire con un sorriso, seminando santità anche in ospedale
3
Gelsomino Del Guercio
Il viaggio nell’Aldilà di Gloria Polo: Gesù mi ha mostrato il “Li...
4
PIENIĄDZE ZA MSZĘ
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Stipendio dei preti, quanto guadagnano? Quei ...
5
Papa Giovanni Paolo II
Philip Kosloski
La formula di San Giovanni Paolo II per sconfiggere il male nel m...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
ST JOSEPH,THE WORKER CARPENTER, JESUS,CHILDHOOD OF CHRIST
Philip Kosloski
L'antica preghiera a San Giuseppe che non ha mai fallito
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni