Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La chiesa in cui l’orologio a cucù racchiude il Sacro Cuore di Gesù

Condividi

Nel cuore di Bogotà sta rinascendo la chiesa del Voto Nazionale, simbolo di pace in Colombia, testimone di guerre e dei peggiori drammi umani

Clicca qui per aprire la galleria fotografica

I colori della bandiera della Colombia sono tornati a svettare sulla cupola della centenaria chiesa del Voto Nazionale, in cui a mezzogiorno un orologio a cucù dà l’ora. La peculiarità è che non esce un uccellino, ma una scultura dorata del Sacro Cuore di Gesù che imparte la sua benedizione nel pieno centro di Bogotà.

Il restauro della torre dell’orologio e dell’immagine sacra fa parte delle opere di restauro della chiesa, la seconda per importanza del Paese dopo la cattedrale primaziale.

Il sacerdote Darío Echeverri, parroco da 18 anni del Voto Nazionale, ricorda le origini del tempio: “Dopo la Guerra dei Mille Giorni (1889-1902), durante la quale morirono più di 100.000 persone e il Paese venne devastato, ci fu fortunatamente un momento di saggezza perché la popolazione veniva decimata. L’arcivescovo dell’epoca propose di compiere un ‘voto nazionale’ per la pace, di trasformare il tempio che i devoti avevano costruito in onore del Sacro Cuore in un simbolo di riconciliazione e di consacrare il Paese a questa devozione”.

La chiesa, affidata alla comunità claretiana, è simbolica da molti punti di vista, come ha detto il sindato della città, Enrique Peñalosa, che ha guidato il restauro: “In primo luogo perché speriamo che sia l’inizio di una pace solida per la Colombia. Oggi riteniamo assurde le ragioni per cui tanti si sono uccisi nella Guerra dei Mille Giorni, e ugualmente assurdi sembreranno tra pochi anni i motivi per cui ci uccidiamo in quest’epoca”.

Il Voto Nazionale è stato teatro della consacrazione della Colombia al Sacro Cuore, e nel 1964 è stato dichiarato basilica minore da Papa Paolo VI. Fino al 1971 è stato sede del Te Deum, un atto in cui i Presidenti della Repubblica rinnovavano la consacrazione della Nazione al Cuore di Gesù e ringraziavano per la sua protezione.

Grande valore artistico

Grazie ai restauri si tornerà ad apprezzare in tutta la sua magnificenza questa chiesa simbolica, che ha già recuperato i vetri della cupola nei colori giallo, blu e rosso della bandiera del Paese, distrutti e sostituiti da una parete di cemento durante il Bogotazo, un’altra delle epoche violente della storia colombiana. Sono tornate a splendere anche le vetrate, il cui tema è il sole che brilla, come pure le finestre del transetto nord e sud e le vetrate dei rosoni.

Sono stati inoltre restaurati la facciata, la controfacciata, il coro e il sottocoro, e sono stati rafforzati i muri e le colonne del presbiterio (l’area intorno all’altare) e del tamburo della cupola. Attualmente fuori dalla cupola ci sono dei ponteggi da cui verranno restaurati gli elementi esterni, perché i lavori proseguono.

Padre Echeverri ha sottolineato che “questa chiesa non è solo una pagina della storia del Paese, ma anche un’espressione artistica. Ci solo dipinti a olio del pittore colombiano Ricardo Acevedo – sepolto accanto alla moglie nel tempio –, beni mobili, splendidi ornamenti e molti articoli religiosi che sono delle vere perle d’arte”.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni