Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 04 Marzo |
San Casimiro
home iconSpiritualità
line break icon

In Cristo non siamo mai condannati alla tristezza

PEACE

C_Atta|Shutterstock

don Luigi Maria Epicoco - pubblicato il 07/01/20

La tristezza, l'ingiustizia non sono scuse, ma motivo di liberazione. Cristo ci libera della paura della fine, della sofferenza, della solitudine: da ciò che ci condanna all'infelicità possiamo trarre qualcosa di grande e nuovo!

In quel tempo, avendo saputo che Giovanni era stato arrestato, Gesù si ritirò nella Galilea e, lasciata Nazaret, venne ad abitare a Cafarnao, presso il mare, nel territorio di Zàbulon e di Nèftali, perché si adempisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaia: il paese di Zàbulon e il paese di Nèftali, sulla via del mare, al di là del Giordano, Galilea delle genti;il popolo immerso nelle tenebre ha visto una grande luce; su quelli che dimoravano in terra e ombra di morte una luce si è levata.
Da allora Gesù cominciò a predicare e a dire: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino». Gesù andava attorno per tutta la Galilea, insegnando nelle loro sinagoghe e predicando la buona novella del regno e curando ogni sorta di malattie e di infermità nel popolo.
La sua fama si sparse per tutta la Siria e così condussero a lui tutti i malati, tormentati da varie malattie e dolori, indemoniati, epilettici e paralitici; ed egli li guariva. E grandi folle cominciarono a seguirlo dalla Galilea, dalla Decàpoli, da Gerusalemme, dalla Giudea e da oltre il Giordano.

(Matteo 4,12-17; 23-25)

Avendo intanto saputo che Giovanni era stato arrestato, Gesù si ritirò nella Galilea e, lasciata Nazaret, venne ad abitare a Cafarnao, presso il mare, nel territorio di Zàbulon e di Nèftali (…) Da allora Gesù cominciò a predicare e a dire: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino».

È interessante come l’uscita di scena di Giovanni Battista spinga Gesù a prendere la decisione di iniziare qualcosa. È la grande lezione che il Vangelo ci dà nel mostrarci come a volte gli eventi ingiusti della vita, come l’arresto di Giovanni Battista, invece di lasciarci inchiodati nella disperazione devono spingerci a prendere ancor più sul serio la vita. Gesù a partire proprio dall’incarcerazione di Giovanni prende la decisione di annunciare il Regno. Sarebbe bello poter rileggere la nostra vita e accorgerci se gli eventi tristi, ingiusti e faticosi ci hanno spinto a prendere delle grandi decisioni o se invece hanno semplicemente bloccato la nostra vita. E’ da qui che dobbiamo ripartire: da questa consapevolezza. Se ci accorgiamo di essere fermi non dobbiamo dimenticare che il passaggio di Gesù ha come scopo proprio la nostra liberazione. Lo dice bene il Vangelo:

Gesù andava attorno per tutta la Galilea, insegnando nelle loro sinagoghe e predicando la buona novella del regno e curando ogni sorta di malattie e di infermità nel popolo. La sua fama si sparse per tutta la Siria e così condussero a lui tutti i malati, tormentati da varie malattie e dolori, indemoniati, epilettici e paralitici; ed egli li guariva.

Che cos’è la guarigione se non la vita che riparte? Che cosa significa incontrare la buona novella del Vangelo se non incontrare un modo nuovo di vivere ciò che invece ci ha condannato? Penso a cose molto concrete: una ferita, la perdita di una persona cara, una mancanza, un’ingiustizia. Tutte queste cose solitamente bloccano la nostra vita. Il Vangelo deve poter incontrare ciascuno di questi eventi e trasformarli nel motivo fondamentale per cui decidiamo qualcosa di diverso, di grande, di nuovo.
#dalvangelodioggi

Tags:
vangelo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
4
POPE FRANCIS AUDIENCE
Ary Waldir Ramos Díaz
Perché dobbiamo fare il segno della croce nei momenti di pericolo...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
7
Lucandrea Massaro
Benedetto XVI conferma la fedeltà a Francesco «Non ci sono due Pa...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni