Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

C’è chi crede che la vera fede non sia mai assalita dal dubbio…

GIRL,EYES,UP
Marina Vitale | Unsplash
Condividi

“Ogni credente è pellegrino davanti a Colui che prima di essere Parola è Silenzio”

Sulle sfide costanti che la realtà impone alla nostra ragione e alla nostra fede, le due ali con cui lo spirito umano si eleva alla contemplazione della Verità (cfr. Enciclica Fides et Ratio di San Giovanni Paolo II), il vescovo brasiliano della diocesi di Palmares, monsignor Henrique Soares da Costa, ci propone questi pensieri sull’“avventura di credere”. Il presule ha pubblicato questo testo nel 2015, ma è sempre attuale e valido.

L’avventura di credere

C’è chi crede che la vera fede non sia mai assalita dal dubbio, da periodi di profonda oscurità, di aridità dei sentimenti e dalla notte profonda dell’anima, che ci impedisce di sentire, di comprendere, di articolare l’affermazione più fondamentale della nostra esistenza: “Credo!”

Ogni credente è pellegrino davanti a Colui che prima di essere Parola è Silenzio.
Dio è Mistero infinito,
Dio è notte oscura che ci acceca con la Sua luminosità,
Dio è il Santo, il Separato, il Diverso da tutto il resto,
Radicalmente incomparabile!
Dio è Colui che si rivela nascondendosi
e si nasconde rivelandosi…
Dio… Come percepirlo, scandagliarlo, avere la superba pretesa di comprenderlo,
Lui, che ha il mondo intero nascosto nel palmo della mano?
Ecco: siamo in Lui, tutto è in Lui: nel palmo della sua mano!

Camminare con il Signore richiede un atteggiamento radicale di fede umile e pellegrina!
Una fede che non attraversi il deserto delle domande spesso senza risposta,
una professione di fede che non sperimenti a volte le notti pesanti del non sentire, del non sapere,
del non avere più una prospettiva, è una fede che non è stata sufficientemente provata…
Non ha conosciuto il vero e tremendo crogiuolo che la fa maturare tra lacrime, stanchezza, lotte e ricerche…

Credere non significa capire tutto!

Credere richiede la tremenda e sempre impegnativa povertà di mettersi davanti a un Dio che è Mistero, un Dio che non rende conto delle Sue azioni e dei Suoi silenzi, perché ci ha già detto tutto e ci ha spiegato tutto di Sé sulla Croce e nella Resurrezione di Suo Figlio.

Credere è comunque chiedere del Signore,
è sempre e nuovamente porre la domanda su di Lui!
Credere è cercarLo,
desiderarLo,
aspettarLo,
è vederLo in tutto,
è individuare in modo misterioso i Suoi passi benedetti,
di modo che il cuore testardo e stanco dica:
“Egli è stato qui! Egli è passato di qui!” – E tutto all’improvviso diventa benedetto,
solo per la Sua presenza, per il Suo passaggio, per i Suoi tratti!
Credere è ostinarsi a vivere così: nomade, vagabondo, pellegrino,
fino a comprendere che cercare significa già incontrarlo,
e incontrarLo è mettersi sempre e di nuovo alla Sua ricerca!

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni