Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Qual è il successo che vale davvero?

MULTITASK
Shutterstock | Estrada Anton
Condividi

Alcuni si concentrano solo sul successo professionale, trascurando tutti gli amori, senza rendersi conto che nell’ineludibile destino della pensione dovranno compiere un bilancio umano al di fuori dell’ambito lavorativo

L’orgoglio “buono” è umanamente positivo quando ha origine in sentimenti nobili che hanno a che vedere con il bene della persona, come la nascita di un figlio, un successo accademico o la statura morale di un amico o un parente.

Anche il desiderio di competere è positivo quando obbedisce a desideri nobili che mettono in gioco il meglio della natura, senza trascurare alcun valore.

Esiste però una cattiva combinazione del cattivo orgoglio con lo spirito competitivo, in cui il legittimo desiderio di autosuperamento di chi cerca di realizzare il meglio della sua natura personale viene sostituito dall’unico desiderio di essere e avere più degli altri.

E il cattivo orgoglio è insaziabile.

Trascinate da questo sentimento, alcune persone si concentrano solo sul successo professionale, trascurando tutti gli amori, senza rendersi conto che nell’ineludibile destino della pensione dovranno compiere un bilancio umano al di fuori dell’ambito lavorativo.

In quel momento potrebbero arrivare a sentirsi di troppo.

Sono persone “di successo” che arrivando a questa tappa si lamentano nei confronti di chi ritengono debba loro qualcosa, con l’affanno di possedere cose e persone.

È un sentimento che in genere esprimono in frasi come “Non mi riconoscono niente né mi ringraziano”, “Ho lavorato molto, ma è stato per dare il meglio alla mia famiglia”, “Quelli che si dicevano miei amici mi cercavano solo per interesse”.

Ciò che è certo è che hanno fatto tutto per orgoglio e avidità, credendo che con il denaro si ottenga tutto, come l’amore di una famiglia, l’affetto e il riconoscimento da parte di persone care ed estranei.

Questo spiega perché nonostante il loro “successo” non abbiano saputo amare e abbiano aspettato solo di essere amate; non si sono donate, ma esigevano donazione, e sono state persone tiranniche, suscettibili e diffidenti che riconoscevano difficilmente di aver sbagliato.

Come è nato il germe del loro cattivo orgoglio?

È probabile che quando erano studenti non aspirassero al sapere, ma a ottenere il voto più alto del loro gruppo, a essere i migliori in un certo sport o quelli che eccellevano in questo o quello…

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.